Utente 562XXX
Salve, sono un ragazzo di 27 anni.. sono due anni che soffro di disturbi testicolari e fastidi scrotali e finora non sono riuscito a trarre buone conclusione sul mio quadro medico.. .
Ho eseguito test di ogni tipo tra cui:
Ecocolor deoppler scrotale che ha evidenziato un minimo varicocele di 1 grado
Rm magnetica del bacino con riferimento a studio della prostata didimi e epididimi e vie seminali ed è risultato tutto ok
Il mio urologo di fiducia aveva evidenziato una piccola infiammazione prostatica calda al termotatto.. . . feci uno spermiogramma com coltura e il risultato fu scarso numero di spermatozoi senza batteri
Non so piu come fare e sembra che il volume spermatico sia ridotto a vista d occhio.
Ho preso antibiotici farmaci e integratori.. . ma niente.. . i fastidi (formicolio o dolore al testicolo) e al pene sembrano non vogliano passare, cosa mi consigliate?

[#1]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore ,

sui "disturbi testicolari e fastidi scrotali...", se desidera avere altre notizie più dettagliate, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/196-prevenzione-andrologica-eta-pediatrica-puberale.html

Qui potrà trovare tutte le raccomandazioni su come fare correttamente l'autopalpazione del testicolo.

In questi casi comunque, senza una valutazione clinica diretta, è impossibile formulare una risposta corretta, cioè capire la vera causa del suo problema e dare quindi una indicazione precisa su quali passi successivi fare sia a livello diagnostico ma soprattutto terapeutico.

Bisogna, a questo punto, consultare o riconsultare in diretta un esperto andrologo.

Detto questo si ricordi comunque che sempre la visita medica specialistica diretta rappresenta il solo strumento diagnostico per poterle dare poi eventualmente, quando possibile, un’indicazione clinica corretta e che le informazioni fornite via internet vanno sempre intese come meri suggerimenti clinici e di comportamento.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com