Utente 569XXX
Salve,
sono un ragazzo di 22 anni, sono uno studente universitario e vado in palestra 2-3 volte a settimana.
Da quando ho iniziato la mia vita sessuale, circa 2 anni fa con la mia attuale ragazza, ogni tanto ho un problema di disfunzione erettile: a volte mi capita di non riuscire ad avere un erezione, in altre occasioni di non riuscirla a mantenere, altre volte è un'erezione parziale e altre ancora è tutto regolare. Questi episodi non sono periodici, ma più frequenti in certi periodi, e meno in altri. Aggiungo queste informazioni che potrebbero aiutare con la diagnosi: riesco a controllare l'eiaculazione, il che mi permette di avere una durata a letto notevole. Inoltre, da quando sono adolescente, ho ininterrottamente e costantemente utilizzato la video pornografia per masturbarmi, cosa che non si è interrotta da quando ho iniziato la mia vita sessuale. In media, questo accade una volta al giorno e guardo questi video per tanto tempo, non solo al fine di raggiungere l'orgasmo ma anche per appagamento. Ho un ottimo rapporto con la mia fidanzata, il quale non dovrebbe essere la causa di questo problema. Sono molto confuso in quanto non riesco a capire se questo sia un problema fisico, di mancanza di desiderio sessuale, di mancanza di eccitazione, di disfunzione erettile indotta dai porno, oppure altro ancora.

Nell'attesa di una risposta, Vi ringrazio anticipatamente.

[#1]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

problemi clinici i suoi particolari e a suo modo complessi ma, come spesso ripeto da questo sito e vista la sua "giovane" età, approfitti di tutti questi "disturbi-malesseri" e mancanza di sicurezze, per conoscere finalmente, se non ancora fatto, il suo andrologo di fiducia.

Impari dalle sue compagne e dalle donne che la circondano che sicuramente, alla sua età, già conoscono il loro o la loro ginecologa.

Detto questo si ricordi comunque che sempre la visita medica specialistica in diretta rappresenta il solo strumento valido per poterle dare un’indicazione mirata e che le informazioni fornite via internet vanno sempre intese come meri suggerimenti clinici e di comportamento.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2]  
Dr. Diego Pozza

40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
MANCIANO (GR)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore

non sono infrequenti i casi di molti giovani con una storia simile alla sua, interesse sessuale, erezione che inizia anche facilmente, mancato conseguimento di uno stato di rigidità accettabile e difficoltà a mantenere il pene rigido in assenza di stimoli manuali diretti
Potrebbe definirsi la sindrome della vasca da bagno con il tappo che non chiude bene.
Ci sono spesso problematiche emozionali ma ugualmente possono essere presenti problematiche circolatorie, da mancato mantenimento cavernoso.
un buon andrologo potrebbe aiutarla, un esame rigiscan potrebbe chiarire se siano presenti fattori psico.emozionali o fisici, un esame ecodoppler valutare la sua funzione vascolare
cordiali saluti
Dott. Diego Pozza
www.andrologia.lazio.it
www.studiomedicopozza.it
www.vasectomia.org