Utente 416XXX
Buonasera dottori, scrivo nella speranza di ricevere dei consigli e dei pareri adeguati per quello che è un problema che mi sta portando -a tratti- a vivere momenti di vera e propria depressione nell'arco delle giornate.
Sin da piccolo non ho mai raggiunto l'orgasmo attraverso la masturbazione, provavo a farlo come tutti i miei coetanei ma a un certo punto avvertivo un bruciore al glande che mi impediva di godere dell'autoerotismo e dopo un po' smettevo proprio la pratica.
A circa 15 anni mi sono operato di frenuloplastica proprio per ovviare a questo problema vista la mia fimosi ma a quanto pare le cose non si sono propriamente risolte, visto che a breve dovrò sottopormi di nuovo a quest'intervento (ora ho 23 anni).
Non riesco a masturbarmi, non riesco a godere quando mi tocco, e la cosa più grave è che da qualche mese, complice anche il mio stato psicologico fortemente condizionato, quando mi masturbo raggiungo anche a fatica l'erezione, o comunque non in maniera accentuata come poteva succedere fino a qualche anno fa.
Ho fatto di recente analisi di testosterone, prolattina, ft4 e tsh ed il mio andrologo ha detto che tutti i valori sono nella norma.
Non mi sono mai preoccupato più di tanto di questa situazione perchè ogni qual volta ero in compagnia di qualche ragazza o anche solo pensando a determinate situazioni raggiungevo erezioni potenti e durature, motivo per cui non ho mai dato peso a questa situazione.
Da quando sono fidanzato (marzo circa) con la ragazza che ho sempre desiderato sono aumentate tutte le ansie e le mie paranoie a riguardo.
Non abbiamo ancora avuto modo di consumare un rapporto sessuale completo, soffermandoci solo ai preliminari in diverse occasioni, e lei è soddisfatta del fatto che io "duri molto".
E anche se sono cose piacevoli da sentire, io comunque interiormente vivo un disagio molto profondo, visto che talvolta quando sto con lei e ho perdite di liquidi neanche le sento perchè di fatto non godo e non raggiungo mai l'orgasmo.
Eiaculo solo di notte, anche tre volte a settimana, con polluzioni notturne mentre dormo.
Questo status mi sta distruggendo, ho subito notevoli cali di libido e desiderio sessuale nonostante a livello organico sia tutto a posto, almeno stando alle analisi che ho fatto.
Prima mi bastava anche solo accarezzare la mia ragazza per sentire dentro subito il fuoco dell'eccitazione più ruvida, mentre ad oggi (il tutto è cambiato nell'arco di pochi mesi) prima di raggiungere un'erezione seria devo toccarla (o toccarmi) per diversi minuti.
Dottori mi affido a voi perchè sono in una situazione davvero disperata, a cosa potrebbe essere dovuta questa mia anorgasmia?
Io non so di fatto neanche cosa sia un orgasmo, visto che eiaculo solo attraverso polluzioni notturne.
Andrò da una sessuologa in settimana, il mio andrologo ha ipotizzato che sia tutto un problema psicologico, ma a me pare strano ridurre alla sola psiche una condizione così disastrata della mia sessualità.
Incrocio le dita e mi affido a voi!

[#1]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

segua le indicazioni del suo andrologo che sembrano motivate dalla sua valutazione clinica diretta.

Si ricordi poi che sempre la visita medica specialistica diretta rappresenta il solo strumento per poterle dare poi eventualmente, quando possibile, un’indicazione clinica corretta e che le informazioni fornite via internet vanno sempre intese come meri suggerimenti clinici e di comportamento.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 416XXX

Dottore io lo so bene che una visita specialistica mi dà il responso corretto, ho anche scritto che ho fatto i vari esami come detto dal mio andrologo. Dovrei farne degli altri secondo Lei? Io ho scritto qui nella speranza di sapere qualcosa in più, il semplice "segua le indicazioni del suo andrologo" lo avevo capito anche da solo, mi perdoni. Volevo capire soprattutto se tutta questa condizione così complessa potrebbe essere dettata da uno status psicologico particolarmente alterato o se invece c'è anche altro. Vorrei poter godere di nuovo di una vita sessuale felice, sono abbattuto proprio per questo motivo. Dovrei farmi qualche esame particolare? Grazie ancora!