Utente 322XXX
Buongiorno, sono un ragazzo di 30 anni.

A metà novembre 2019 mi è stata diagnosticata una forma di Induratio penis plastica.

Da qualche mese, maggio/giugno 2019 avvertivo una sorta di indurimento del corpo cavernoso destro, inoltre ho avuto qualche fitta durante le erezioni notturne.

Mai dolore durante la masturbazione, mai dolore durante i rapporti.

Poi da agosto ho inziato ad apprezzare un nodulo, appena sotto il glande.

Non avevo e non ho tutt'ora riscontrato curvature o deformazioni.

L'ecografia riporta la presenza di una placca fibrotica, 10x8 mm a circa 1 cm sotto il glande.

Il medico mi ha prescritto Peyrocur per 3 mesi, rassicurandomi sull'evoluzione della malattia, escludendo la possibilità dell'insorgere di una curvatura nei prossimi mesi.

Ho voluto fare per mio scrupolo altre due visite specialistiche da altri urologi i quali, entrambi, oltre a rassicurarmi sul quadro degli eventi hanno in parte dissentito dalla diagnosi di IPP, parlandomi di un possibile trauma da me subito, sessuale o sportivo (pratico calcio a livello agonistico).
Inoltre per entrambi la placca al tatto e per posizione è poco compatibile con IPP.

Per storia familiare, ho sviluppato fin da piccolo una forma di ipocondria e terrore nei confronti delle patologie.

Nonostante queste diagnosi, benevole, ho preferito 15 giorni fa, percorrere la strada di una iniezione di XIAPEX, in via del tutto precauzionale con lo scopo, a detta dello specialista, di bloccare la malattia e di far regredire il fibroma.

Oggi la placca, mi da la sensazione di essere più morbida, ma c'è la reale possibilità che regredisca o sparisca?

Ne ho lette veramente di ogni riguardo questa patologia, dal decorso variabile e imprevedibile.

Vi chiedo se mi sono mosso bene e se le mie paure di insorgenza di curvature o di altre placche sono fondate.

Vi ringrazio anticipatamente

[#1]  
Dr. Pierluigi Izzo

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
BENEVENTO (BN)
CASERTA (CE)
SALERNO (SA)
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,le consiglierei di prendersi una pausa,piuttosto che cedere alla offerta di terapie che,ancorchè costose,mi sembranel suo caso,non indicate e non scevre da effetti collaterali.Cordialità.
Dr. Pierluigi Izzo
www.studiomedicoizzo.it
info@studiomedicoizzo.it

[#2] dopo  
Utente 322XXX

Grazie della celere risposta.

Il motivo del mio peregrinare è il pensiero fisso, la paura, che questa patologia possa peggiorare e non voglio rimpianti di non aver fatto tutto il possibile quando ero in tempo.

La possibilità che la curvatura inizi è reale?
Lo Xiapex blocca l’infiammazione ?

Da come ho capito una volta formatosi il fibroma la curvatura o deformazione avrebbe già dovuto vedersi, ma, non sono un dottore!
Sono solo un ragazzo spaventato...

Per ora mi sta condizionando a livello psicologico piuttosto che fisico.

Grazie in anticipo