Utente
Gent.
li Dott.
ri,
Vi consulto per cercare una soluzione ad un problema nato c.
a 2 mesi fa', a seguito di un rapporto non protetto, approssimativamente 2 giorni dopo ho cominciato a manifestare fastidio al canale uretrale, quasi un solletico che a volte quando a riposo e sdraiato sembrava provocarmi delle erezioni non giustificate per durata e irrigidimento, inoltre un leggero mal di gola e delle afte in bocca svaniti velocemente, dolore ai testicoli e malessere diffuso, così mi sono recato immediatamente in piena sintomatologia a fare gli esami del sangue (valori e malattie infettive) e delle urine, l'unico dato utile in quanto tutto negativo è stato il valore dei leucociti nelle urine molto elevato, subito mi è stato prescritta azitromicina 2 compresse in unica soluzione, così man mano i sintomi si sono attenuati fino alla guarigione per più di un mese.
C.
a una settimana fà il dolore ai testicoli si è ripresentato seguito da bruciore nella minzione bruciore dell'orifizio uretrale, prurito all'ano dolori di stomaco dolori lombari, accompagnati da perdite trasparenti e maleodoranti, così mi è stato riproposta l'azitromicina sempre 2 compresse in unica soluzione, assieme ad ibuprofene mai assunto fino a questo momento.
I sintomi si sono attenuati soprattutto il dolore ai testicoli e il bruciore durante la minzione, mentre una pressione a livello della prostata mi ha accompagnato per qualche giorno insieme a dei pizzichi diffusi in tutta la zona pelvica.
Ho provveduto ad effettuare la spermiocultura prima dell'assunzione dell'antibiotico e in piena sintomatologia (esito negativo), disinfettando il glande per raccogliere il campione deve aver causato un irritazione che ha portato alla desquamazione della pelle dello stesso avvenuta nei giorni seguenti.
Ho osservato l'urina dopo l'assunzione dell'antibiotico che precedentemente era di colore scuro arancione e con muco al suo interno, che man mano si è schiarita e normalizzata.

Ora 8 giorni dopo l'assunzione dell'azitromicina, restano dei sintomi con dei dolorini diffusi qualche "pizzico" e qualche dolore simile muscolare al pene, inoltre indossare gli slip fa' accentuare i fastidi sia alla prostata che ai testicoli.

Ho prenotato spermiogramma, tampone uretrale, e urinocultura che effettuerò a breve.
Si è ipotizzato prostatite cronica, quindi ora devo assumere delle supposte (topster) e degli integratori (deprox) per un mese.
Chiedo un Vs consulto sulla correttezza dei passi svolti fin qui e un parere su quelli futuri.
Vi ringrazio anticipatamente.
Quasi dimenticavo, mi è stato diagnosticato un lieve varicocele tramite ecografia.
Ho 30 anni e pratico molto sport, mi capita spesso di bere alcolici e sono un fumatore.

[#1]  
Dr. Patrizio Vicini

48% attività
20% attualità
16% socialità
GROTTAFERRATA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Infiammazione alla prostata definita prostatite non necessariamente è conseguenza di infezione prostatiche.
Spero di averle chiarito dal differenza.
Dott. Patrizio Vicini
www.patriziovicini.it
www.chirurgia-plasticaestetica.com
Roma