Quasi certezza sindrome di klinefelter, come dirlo ai miei?

Salve dottori, sarò rapido nell'esporvi la mia situazione:

Ho 17, ed è da abbastanza tempo che sospetto e sono quasi certo di avere la sindrome di Klinefelter.

Ora, so bene che non sono un medico e non dovrei diagnosticarmi le cose da solo (anche perché senza un esame del cariotipo sarebbe impossibile), però, osservando il mio corpo, sono quasi convinto di avercela:

-Assenza di peli
-Difficoltà nell'apprendimento e nel linguaggio
-Sovrappeso e distribuzione del grasso femminile
-Peli pubici con distribuzione femminile
-Spalle strette
-Fianchi larghi
-Libido bassa
-Tronco corto rispetto alle gambe e alle braccia
-Voce abbastanza acuta
-Leggera clinodattilia di tutte le dita, soprattutto il mignolo
-Timidezza

E se questo non vi convince, ecco il colpo di grazia:

-Criptorchidismo
-Testicoli piccoli (o per lo meno quello che mi rimane)

E come se non bastasse, non posseggo l'unico sintomo di questa sindrome positivo, cioè l'alta statura (sono alto come mio padre, 1, 72)

Mio padre è infermiere, quindi avrei intenzione di dirlo prima a lui in privato e poi dirlo a tutti i componenti della mia famiglia, ma purtroppo sono un po' fifone ed non ho ancora trovato il coraggio di dirglielo.
Un po' perché lui è uno che sottovaluta tutto e di sicuro mi dirà: "Ma dai, su che non hai nulla! " e anche perché ho paura di come potrebbero prenderla tutti gli altri, magari inizierebbero a considerarmi una persona malata che non potrà più badare a se stessa da solo (anche perché c'è parecchia ignoranza su questa sindrome)

Ogni volta che io e mio padre siamo da soli in casa io nella mia testa mi dico sempe: "Dai adesso glielo dico, dai adesso glielo dico" per poi miseramente farmela sotto dall'ansia.


Perfavore dottori aiutatemi, come potrei introdurre l'argomento a miei
[#1]
Dr. Edoardo Pescatori Urologo, Andrologo 4,6k 107 13
Gentile lettore,
grazie della fiducia e della email, che ho letto con attenzione. Nonostante tutti i sintomi sospetti che ci hai elencato non sono per nulla certo che nel tuo caso sia in gioco la s. di Klinefelter. E anche lo fosse, l'unica considerazione importante sarebbe arrivare ad una diagnosi certa ora per mettere in sicurezza l'aspetto chiave coinvolto dalla sindrome - fertilità - e ciò si può fare, soprattutto alla tua età. Penso che i tuoi sarebbero contenti di verificare i tuoi dubbi e, nel caso che fossero reali (NON E' DETTO!!!), non per questo saranno meno fieri di te o ti vorranno meno bene,. Anzi: sarà un momento per essere ancora più uniti. Anche perché la gran parte di chi è effettivamente Klinefelter può avere una vita assolutamente piena sotto moltissimi aspetti (vedi www.nascereklinefelter.it), e la prospettiva "fertilità" come ti dicevo alla tua età può essere affrontata con successo. Da'i, fai il primo passo, vedrai che poi è tutto più facile!
Facci sapere e in bocca al lupo!

Dott. Edoardo Pescatori
Specialista in Urologia - Andrologo
www.andrologiapescatori.it

[#2]
dopo
Attivo dal 2021 al 2021
Ex utente
Grazie infinite dottore. Domani, costi quel che costi, parlerò a mio padre di questa situazione.
[#3]
Dr. Edoardo Pescatori Urologo, Andrologo 4,6k 107 13
Ottimo!
Facci sapere!

Dott. Edoardo Pescatori
Specialista in Urologia - Andrologo
www.andrologiapescatori.it

[#4]
dopo
Attivo dal 2021 al 2021
Ex utente
Buongiorno. Scrivo di nuovo per dirvi che oggi ho detto tutto quanto a mio padre. Purtroppo, come immaginavo, è stato un po' superficiale, ma ha comunque detto che mi accompagnerà a fare delle visite. Speriamo bene
[#5]
Dr. Edoardo Pescatori Urologo, Andrologo 4,6k 107 13
Da'i, bene, il primo passo è fatto!

Dott. Edoardo Pescatori
Specialista in Urologia - Andrologo
www.andrologiapescatori.it

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa