Utente 577XXX
Salve,
giovedì dovrò essere ricoverato e il giorno succesivo essere sottoposto a un intervento chirurgico programmato per la rimozione di un tumore cerebrale benigno.
Da ieri sera, ho un lieve raffreddore, un po' di stanchezza e "solletico" al petto che si allevia bevendo qualcosa di caldo.
Ho riposato tutto il giorno e mi sembra di stare un po' meglio.
Non ho avuto tosse, né febbre, né catarro più del solito (ho la sinusite cronica e di questo l'anestesista è stato informato, infatti mi ha spiegato che sono a rischio anestesiologico 2).
Sono molto sereno per l'intervento e un po' mi seccherebbe se dovesse essere rimandato, ma mi rendo conto che si tratta di una procedura delicata e non vorrei prendere la cosa sottogamba.
Dovrei avvisare l'ospedale o aspetto il ricovero per vedere come va e fare presente la cosa al personale ospedaliero al momento?
(Anche nel caso si risolvesse, ovviamente).

[#1]  
Dr. Andrea Coelli

16% attività
8% attualità
0% socialità
BRESCIA (BS)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2019
Nell’immediato preoperatorio vanno considerati con attenzione i sintomi che suggeriscano uno stato infiammatorio delle prime vie aeree e del cavo orale e/o faringe.

La comparsa di uno o più di questi sintomi:
FEBBRE
TOSSE
CATARRO
FARINGODINIA
OCCLUSIONE NASALE E MUCO
Va segnalata al curante e all’anestesista, se persistenti e di rilievo controindicano l’intervento a breve ( vige discrezionalità dell’anestesista).

Nel suo caso specifico NON mi preoccuperei limitandomi, nei prossimi giorni, a controllare l’eventuale evoluzione del quadro sinusitico e ad informare nel caso il reparto chirurgico di competenza.

Spero di averla aiutata.
Dr. Andrea Coelli

[#2] dopo  
Utente 577XXX

Grazie mille. Allora controllo l'andamento dei sintomi e ne discuto in reparto il giorno del ricovero.