Utente
Buonasera dottori,
Mio padre è stato sottoposto ad un intervento bio-Bentall la scorsa settimana, con sostituzione della valvola aortica e arco aortico.

Il decorso post-operatorio stava procedendo piuttosto bene quando dopo 80 ore dall’intervento, in corrispondenza di un picco pressorio arrivato a 225, ha un arresto respiratorio ed entra in stato comatoso, immediatamente dopo un’iniezione endovena di cortisone urbason.

Lo sedano e lo portano in terapia intensiva, dove si sveglia, per fortuna senza conseguenze, dopo circa un’ora.

Nessuno sa dirci cosa sia accaduto.

Noi temiamo che il picco ipertensivo sia stato causato dall’iniezione di urbason, senza che fosse stata preventivamente misurata la pressione (che magari poteva essere già alta?).

Ora siamo terrorizzati e angosciati, e mio padre non vuole più sentir parlare di cortisone.

Secondo voi la nostra ricostruzione può essere corretta?
Come può schizzare così in alto la pressione, con tali conseguenze?

[#1]  
Dr. Daniele Merlo

28% attività
4% attualità
4% socialità
RIBERA (AG)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2018
Buongiorno, è difficile capire cosa possa essere successo. In ogni caso credo che i colleghi siano stati pronti ad intervenire e sembra non esserci stata conseguenza della crisi ipertensiva.
Cordialmente
Dr. Daniele Merlo
https://www.studiomedicomerlo.com

[#2] dopo  
Utente
Grazie per la risposta, dottore.
Cerchiamo di ricostruire ma non abbiamo gli strumenti per farlo.
Quali possono essere le cause di una crisi ipertensiva?