Utente
Buongiorno dott.ri pratico regolarmente calcio a livello agonistico ed ho effettuato un ecg da sforzo con i seguenti risultati:
durata test: 10:33
valori massimi
carico: 240
mets: 13.4
FC: 163 BPM % Max FC: 85%
SIS: 180mm Hg
DIA: 80mm Hg
D.P.: 28800
ST/HR Index: 1.33 uV/bpm in aVL alle 01:00
Max ST
Soprasliv ST: 2.9 mm in V3 alle 11:30
Sottosliv ST: -1.2 mm in aVR alle 11:50
MAX VARIAZIONE ST
Variazione Soprasliv. ST: 1.1 mm in V4 alle 11:30
Variazione Sottosliv. ST -1.6 mm in V2 alle 06:50
Sintomi: NON ANGOR NE' DISPNEA
Conclusioni: TEST MASSIMALE NEGATIVO PER CARDIOPATIA ISCHEMICA
Premetto pure che avevo un pressione arteriosa iniziale 110 70 con BPM.
Che ne pensate?Va bene il test?.

[#1]  
Dr. Federico Nardi

24% attività
0% attualità
12% socialità
VERBANIA (VB)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2011
Gentile utente, concordo con le conclusioni del collega: test negativo.
Cordiali saluti
Dr. Federico Nardi

[#2] dopo  
Utente
Grazie per la velocità con cui ha risposto dott.re. Un'ultima domanda...ma la pressione max va bene o è alta?In genere a quanto dovrebbe arrivare nel momento di max sforzo?Grazie ancora.

[#3]  
Dr. Federico Nardi

24% attività
0% attualità
12% socialità
VERBANIA (VB)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2011
Rientra ancora nei limiti della norma e varia da soggetto a soggetto, fisiologicamente, anche a seconda del livello di allenamento.
Cordiali saluti
Dr. Federico Nardi

[#4] dopo  
Utente
Ok, ma in genere un'ottima pressione nel momento di max sforzo a quanto dovrebbe essere aldilà del fatto che è soggettiva?180 80 è alta?

[#5]  
Dr. Federico Nardi

24% attività
0% attualità
12% socialità
VERBANIA (VB)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2011
Il più possibile vicino ai 150 mmHg!
Dr. Federico Nardi

[#6] dopo  
Utente
Quindi è alta?Sono un pochino ansioso e vorrei poter continuare a giocare a calcio ed a fare sport agonistico come sempre...

[#7]  
Dr. Federico Nardi

24% attività
0% attualità
12% socialità
VERBANIA (VB)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2011
Durante l’esercizio fisico la pressione arteriosa massima (sistolica) tende ad aumentare progressivamente conseguentemente all’entità dello sforzo (dovuto alla stimolazione simpatica). Mentre la pressione minore (diastolica) tende nella prima fase dello sforzo ad aumentare per poi ridursi a causa della vasodilatazione con conseguente riduzione delle resistenze periferiche. Da ritenersi utile per un orientamento diagnostico un eccessivo incremento dei valori diastolici e/o uno scarso recupero ai valori basali della pressione arteriosa sistolica dopo circa 5-6 minuti dallo stop del carico di lavoro.
Quindi confermo che starei tranquillo circa il suo test ergometrico e la sua attività fisica.
Dr. Federico Nardi