Utente
Buonasera Gentili Dottori,
a causa di una tachicardia improvvisa nel mese di dicembre sono finita in pronto soccorso. Mi hanno tenuta in osservazione una giornata e la mia frequenza è rimasta intorno ai 130 bpm , tachicardia sinusale. In realtà al momento del malessere era molto piu alta ma ahimè nulla è stato registrato quindi difficile da definire.
A seguito dell'episodio sono stata sottoposta ad holter e ad ecocardiocolordoppler ed in ultimo ad una gastroscopia.
Questo il referto dell'holter
-ritmo sinusale costante con FC media 86 bpm., minima 58 bpm( notturna) massima 167
-Normale conduzione AV e IV
-assenza di attività ectopica sopraventricolare e ventricolare
-non pause sistoliche significative nè alterazioni significative del tratto st.
Un episodio di tachicardia della durata di 4 minuti bpm 167

L'ecocardiocolordoppler non evidenzia anomalie, così come la visita cardiologica e la gastroscopia.
La mia cardiologa di riferimento, definendo la mia tachicardia su base ansiosa, e ahimè come negarlo, mi ha prescritto 1/4 di lobivon da assumere al mattino.
La mia pressione è tendenzialmente bassa. (100/70)
Volevo gentilmente chiedere un parere sull'utilizzo del betabloccante e se può incidere sulla pressione anche ad un dosaggio così basso. Ovviamente l'obiettivo è abbassare i battiti ed evitare queste tachicardie.
Per quello che concerne l'ansia, mia amica da due anni, la sto affrontando con la psicoterapia ed al bisogno utilizzo 10 gocce di ansiolitico. PEr completezza di informazioni ho visto anche uno psichiatra che ha ritenuto non opportuno prescrivermi antidepressivi.

Grazie mille per il Vs servizio.

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Lei infatti Non ha bisogno probabile

Mente di antidepressivi. Ma di ansiolitici
Detto questo se proprio dovesse essere prescritto un beta bloccante dat la sua pressione converrebbe optare per altri beta bloccanti come bisoprololo o propanololo
Ne parli con il suo medico

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio per il Suo prezioso consulto.
Il mio medico e la mia cardiologa sostengono che questo farmaco a così bassa dose possa solo aiutarmi. (l'idea comune è quella di sospenderlo con l'arrivo del caldo).
Ma Le confesso che mi sono chiesta se assumere un farmaco così importante sia indicato nel mio caso.
La ringrazio di nuovo Dottor Cecchini.

[#3] dopo  
Utente
Gentile Dottore,
Torno a Lei per una domanda. Ho iniziato la terapia prescritta con 1/4 di lobivon ogni mattina, oggi è il terzo giorno. Ho notato sin da subito un miglioramento sulla frequenza cardiaca e la pressione sembra stabile sui 100/70. Però di notte mi sveglioed avverto fastidio alle gambe, sintomi simili a quelli dell'influenza. Può dipendere dal farmaco?e in tal caso scomparirà questo sintomo? La ringrazio di cuore.

[#4]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
no non penso che sia colpa del farmaco
arrivederci
cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#5] dopo  
Utente
La Ringrazio Dottore, Lei è sempre molto cortese.

Buon lavoro