Utente
buongiorno chiedo cortesemente un indicazione al mio problema,sono poliallergica a farmaci e alimenti,borderline celiaca,da 7 anni in seguito ad un intervento di colecistectomia,soffro di crisi ipertensive isolate valori max 180/105 fc. 95/110,inizialmente si verificavano in concomitanza a blocchi digestivi con la stessa modalità prima dell'intervento,nel tempo senza causa apparente,eseguiti esami ecg,ematochimici,eco-renale,tac addome,catecolamine urinarie,da cui risultava in qualche occasione una ipopotassiemia ,risoltasi con terapia kcl o ev. o via orale.eseguite varie terapie con norvasc 5,lobivon,olmesartan,ramipril 5, personalmente riscontro da poliallergica che il consumo di determinati alimenti conservati mi scatena la crisi ovvio perlomeno in concomitanza,per cui di seguito nel tempo ho eliminato i colpevoli,ora mi ritrovo da 3 gg con solita crisi che mi prende da che mi alzo al mattino , mi sento strana il picco verso le 11,e poi pian piano scende al momento non seguo alcuna terapia da 6 mesi,gli episodi si sono verificati due volte,in associazione ho le mani con sensazione di spilli mani rosse,vampate che non realizzo se legate alla menopausa,e solito mal di testa;domani mi faccio rivedere dal cardiologo mi chiedo come andrebbe considerata questa mia situazione necessito di avere una terapia fissa o il fatto che le crisi sono isolate devo adeguarmi e sopportare,essere poliallergica mi ha fatto sospendere più volte terapie varie,cambiata alimentazione,calata di peso… non so che fare..
grazie mille...

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
La cosa più intelligente da fare é programmare un ABPM {holter pressorio) con l attuale terapia per verificarne la efficacia nelle 24 ore e valutare pertanto la necessità di modificarla

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#2] dopo  
Utente
gentile Dr. Cecchini,la ringrazio per la risposta,ma mi chiedo se durante il periodo che eseguo l'esame holter,non ho puntate ipertensive,cosa potrei indagare di più?
ho eseguito un holter circa 4 anni fa e sempre in seguito a crisi,ma non ho avuto alterazione pressoria in quel frangente.
Chiarisco ho 54 anni e sono da 6 mesi entrata in menopausa,premesso che le crisi le avevo già in precedenza a questo,mi chiedo se eventualmente quanto possa incidere questo squilibrio ormonale,e poi volevo capire le catecolamine sono le uniche che incidono in un rialzo di pressione,e se si cosa scatena questa liberazione,capire come avvengono queste funzionalità è per me molto importante.
Ho eseguito la visita cardiologica,che mi propone una terapia con olmesartan 40,e solo se avessi un valore elevato di aggiungere un diuretico,quindi di per sé non mi ha aiutato nel capire la mia problematica.
La ringrazio per la cortese attenzione,buona giornata e buonlavoro.

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Nel 95% dei casi non sappiamo l'origine dell'ipertensione.
Non e' assolutamente detto che c'entrino le catecolamine.....

esegua un holter pressorio e se vuole ce ne faccia sapere l'esito

cordialmente

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso