Utente
Buongiorno Dottori,
Una domanda riguardante mio marito.
Soffre di cardiopatia (ha subito nel 2015 l'applicazione di 6 stent coronarici).
La cura attuale è basata sull'assunzione di Plaunac 10 mg. e Atorvastatina 40 mg., rispettivamente il 1° alla mattina ed il 2° alla sera.
Tiene regolarmente misurata la pressione ma, stamattina aveva uno sbalzo tra la sistolica e diastolica.
La prima era entro i livelli (117) ma la seconda era alta (88).
Non sapeva se prendere il Plaunac, perchè aveva paura che, prendendolo, la massima si sarebbe abbassata troppo (era già successo).
Faccio notare anche che, dopo la recente visita dal suo cardiologo, quest'ultimo gli aveva suggerito di assumere il Plaunac al bisogno, in quanto i valori pressori si erano abbastanza normalizzati.
Siccome per parlare col suo cardiologo ci vuole tempo (appuntamento, tempi di attesa ecc,) mi permetto di domandare a Voi, in questo caso dovrebbe assumere il Plaunac oppure no, o, invece, assumerne metà dose (questo è venuto in mente a me ora).
Grazie per una Vostra gentile risposta.
Cordiali saluti.
Ut. 53553

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Guardi il Plaunac e tutti i farmaci del genere NON vanno assunti "al bisogno" per vari motivi, uno dei quali e' che sono farmaci che necessitano di almeno una settimana per funzionare.
Quindi se il paziente e' iperteso deve essere curato continuativamente. Il dosaggio del farmaco ed il tipo di faarmaco e' ovviamente a discrezione del medico, ma la terapia va assunta quotidinamente.

Arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#2] dopo  
Utente
Buongiorno Dottore,
La ringrazio per la Sua pronta risposta.
Comunicherò a mio marito quanto da Lei risposto.
Nuovamente grazie.
Cordialità.
Ut. 53553