Utente 415XXX
Buongiorno,
da novembre 2016 ho costantemente la sensazione di freddo/pelle d'oca (ovviamente in maniera molto più evidente nel periodo invernale, ma presente anche ora, nonostante le temperature elevate) unito ad un dolore nella zona cervicale (anche se questo dolore, iniziato a novembre nello stesso periodo dei disturbi di freddo, è diminuito parecchio e tuttora è presente solo in alcune particolari situazioni).
Da novembre ad oggi ho effettuato degli esami endocrinologici (per escludere un ipotiroidismo), cardiologici (holter, ECG, ecocardiogramma) ed una visita internista che però non hanno rilevato nessun danno organico, unito anche ad alcuni esami del sangue, anche questi negativi. Purtroppo però questa sensazione di freddo permane e seppur non debilitante è comunque molto fastidiosa, soprattutto per me che lavoro in ufficio e quindi non un lavoro particolarmente movimentato. (infatti non sento freddo quando faccio sport o mi muovo parecchio)
La pressione arteriosa è di media 125/60, (quindi un'alta pressione differenziale), sono bradicardico (di giorno circa 55-60 b/m, di notte 40-45 ma anche con punte di 37) ed ho una temperatura corporea abbastanza bassa (non supero i 36°).
Possono tali condizioni presupporre qualcosa oppure devo fare altri controlli? Non so veramente cosa fare perché anche aumentando i vestiti la sensazione non cambia. (basta un soffio di vento che la mia pelle inizia a darmi quella sensazione di freddo, per non parlare in inverno che anche in ufficio con riscaldamento al massimo ho sempre freddo e brividi).
Grazie

[#1]  
Dr. Mariano Rillo

52% attività
4% attualità
20% socialità
SAN GIORGIO DEL SANNIO (BN)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2012
Le ricordo che lei sta chiedendo una consulenza in area cardiologica...
perchè pensa che il cuore sia imputabile in una sintomatologia assolutamente indipendente. La mente a volte fa strani scherzi. Si dimentichi del suo cuore e se con l'aiuto del suo medico di base sono state escluse cause importante alla base dei suoi sintomi direi che debba farsene una ragione.
Cordialmente
Dr. Mariano Rillo
Specialista in Cardiologia con Perf. in Aritmologia
Clinica e Elettrofisiologia Interventistica