Utente
Buongiorno, mia madre di 54 anni ha da sempre una frequenza cardiaca a riposo di circa 60-62 bpm, evidenziati da periodiche e frequenti misurazioni della pressione arteriosa con sfigmomanometro automatico OMRON M3W. La sua pressione invece è sempre stata normale, tendente forse verso il basso, con valori compresi tra 110-120 mmHg di Max e 60-70 mmHg di Min. Ora da oltre due settimane, a causa di depressione ed ansia, sta assumendo Cipralex 20 mg/ml (Escitalopram) al dosaggio di 10 gocce al giorno (nei primi dieci giorni di terapia ha assunto 5 gocce al giorno), come prescritto dal medico di famiglia. Però da diversi giorni la sua frequenza cardiaca a riposo si attesa sempre sui 50-52 bpm sempre evidenziati dalle misurazioni con lo sfigmomanometro automatico OMRON M3W. Sottolineo che il suo ritmo cardiaco risulta sempre regolare (lo sfigmomanometro non le ha mai segnalato battiti irregolari) e che mia madre non avverte alcun tipo di malessere. Credo sia evidente che questa diminuzione di frequenza cardiaca sia causata dall’assunzione delle 10 gocce quotidiane del Cipralex 20 mg/ml (Escitalopram), considerando anche che oggi dopo un approfondita lettura del bugiardino del suddetto farmaco, ho potuto leggere nella sezione “Avvertenze e precauzioni” di “Informare il medico se ha un ritmo cardiaco a riposo basso”. Ora io non so giudicare se mia madre ha un ritmo cardiaco basso o normale, però di certo con l’assunzione del farmaco c’è stata una diminuzione dai 60-62 bpm ai 50-52 bpm, mentre la pressione arteriosa non ha subito variazioni tra il prima e il dopo l’assunzione del Cipralex. Quindi chiedo gentilmente un parere specialistico a riguardo e se è il caso o no di informare il medico di questa variazione di ritmo cardiaco. In attesa di una gentile risposta, porgo i miei più cordiali saluti.

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Certo che puoi informare il medico, ma la frequenza che lei riporta non desta alcuna preoccupazione ne' e' motivo di interruzione del farmaco

Cordialita'

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#2] dopo  
Utente
Perfetto. La ringrazio moltissimo Dott. Cecchini. Cordiali Saluti.