Utente 504XXX
Buongiorno a tutti,

sono un ragazzo di 26 anni, sono alto 175 centimetri e peso 88 kili. Da qualche anno , nel periodo estivo, soffro di pressione alta e tachicardia. Ho effettuato dal 2010 ad oggi tutti gli esami cardiologici e pressori del caso (ECG, ECG sotto sforzo, Studio Elettrofisiologico, Eco color doppler, Holter Cardiaco, Holter Pressorio). Gli esami hanno evidenziato la presenza di una doppia fisiologia nodale che mi scatena tachicardie parossistiche sopraventricolari. Premetto che sono un tipo molto ansioso, e soffro di attacchi di panico. Ultimamente la cosa che mi preoccupa è la pressione. In condizioni di riposo ho valori di 120/80 a volte anche di meno esempio 114/75. Se mi trovo a lavoro o in dopo uno sforzo fisico di media entità la pressione schizza a valori di 150/100. Volevo sapere se era normale questa cosa. Dall'holter pressorio il referto è stato che la media della mia pressione si aggira intorno ai 125/85 e quindi non richiede trattamento. Ritornando al fatto che sono ansioso, spesso ho dei sintomi quali tachicardia, giramenti di testa, orecchie che fischiano, vertigini , senso di oppressione al collo e orecchie attappate. La cosa mi spaventa molto in quanto questo non mi permette di vivere bene le mie giornate. Sono stato in cura da uno psicologo ma , mentre gli altri anni questi sintomi duravano 1 mese e sparivano, quest'anno sono 4 mesi che sto così. Secondo voi dovrei fare altri accertamenti?

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Mi pare che abbia gia' fatto molti esami.
ha anche eseguito indagini renali per escludere problemi surrenalici?

Innanzitutto se lei ha una doppia via nodale con TPSV dimostrate dovrebbe pensare ad una ablazione per risolvere il problema.
Per cio che riguarda i valori pressori non basta dire che la media e' 125/85 ..."e quindi non richiede trattamento".
Cio' puo' non essere vero a seconda del tracciato dei valori pressori nelle 24 ore , specie la notte ed i picchi che raggiunge.

Solitamente in pazienti molto ansiosi come lei, con episodi di TPSV e picchi ipertensivi si impiegano i beta bloccanti con estremo beneficio

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 504XXX

Salve, in realtà no non ho mai eseguito esami renali.

Per quanto riguarda la pressione in notturna era sempre bassa con valori anche di 90/60..il picco più elevato che ho avuto è 160/110 ma misurato durante o uno sforzo fisico o un evento emotivo.

La cosa che mi preoccupa e a cui penso purtroppo è che questo possa causarmi eventi ischemici e/o cardiaci..i dottori mi hanno detto che alla mia età e dopo gli esami che ho fatto è fuori discussione, ma non riesco a tranquillizzarmi

Per quanto riguarda l'ablazione, il cardiologo che mi ha eseguito nel 2013 lo studio elettrofisiologico mi ha detto che per il momento non era necessario effettuare l'ablazione.

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Quindi lei perche' mi chiede dei pareri?
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente 504XXX

Per sapere che cosa ne pensa, se secondo lei dovrei fare altri esami e/o preoccuparmi della situazione clinica riguardante pressione etc..