Utente
Buonasera
ho cortesemente bisogno di una mano per capire il referto e inquadrare meglio la mia situazione.
Ho 42 anni, vita piuttosto sedentaria, ufficio e macchina per lunghi viaggi. Poca attività fisica. Pur seguendo un alimentazione normale ho circa 12 Kg da togliere e un colesterolo alto che non scende neanche con le cannonate fisso a 240/250. Mi concedo 1 bicchiere di vino a cena. Ho ridotto molto i caffè. Fino a qualche mese fa ne bevevo troppi. Oggi 1 max 2 al giorno e la sera un caffè d'orzo. Ho ridotto il fumo drasticamente. Sono passato da 1 pacchetto al giorno di sigarette ( 2016 ) a 4 max 5 sigarette ( 2017) oggi mi concedo la sigaretta elettronica con liquido senza nicotina e 1 max 2 sigarette al giorno.
Premetto che mi sono sottoposto a visita cardiologica anche nel 2017. Purtroppo dopo un periodo di forte stress e ansia, era emerso un stato pressorio non proprio ottimale. La minima in particolar modo era sempre sopra i valori normali, da 90 a 100.
Il primo cardiologo mi aveva consigliato di monitorare la situazione che sinceramente ho sottovalutato. Non proprio la mia decisione migliore.
Verso fine Ottobre corrente anno, inizio ad accusare di nuovo gli stessi sintomi del 2017 e qualcuno in più. Agitazione, tachicardia e leggeri dolori al petto, forse più un fastidio che dolore vero e proprio. Effettivamente sono tutti sintomi riconducibili all'ansia. Misurandomi la pressione la minima era sempre costantemente sopra i 90 con punte da 100 abbondante. Massima circa 150/160. I battiti cardiaci 80 a volte 90 a riposo e salgono molto anche per una normale passeggiata, probabilmente a causa del mio peso e della mia vita sedentaria, sono decisamente fuori allenamento.
Il medico di famiglia mi ha prescritto Plaunac 20mg 1 al giorno e Nobistar mezza pasticca al giorno. Il Nobistar purtroppo fin da subito ha iniziato a darmi fastidio con una leggera dispnea e visione leggermente offuscata. Ho prenotato una visita dal cardiologo che ha confermato la terapia e mi ha detto di sospendere il Nobistar. Effettivamente dopo la sospensione del Nobistar sia la dispnea che la visione offuscata sono andate via. La pressione inizia ad andare bene 70 / 130 anche se i battiti cardiaci sono sempre tra 80 e 90 anche a riposo. Dietro consiglio del medico ho fatto analisi T3-T4-TSH. Tutto nella norma.
Il referto del cardiologo ( per motivi di caratteri rimanenti posto tramite dropbox) https://www.dropbox.com/sh/62taz9m41gqt77w/AADsK8DGrOmu9eWPAwiQHxTNa?dl=0
Nel referto leggo note iniziali di ipertrofia concentrica. Non ho ben compreso di quanti cm è sopra la norma e se questa è una patologia che può regredire oppure no. Cosa più importante non ho capito se si tratta di qualcosa che merita particolari attenzioni e/o accorgimenti.
Inoltre se è possibile un consiglio in merito ad ulteriori esami da fare per cercare di determinare la causa dei battiti accelerati.
Ringrazio di cuore per il vostro tempo
Cordialmente

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Il referto è illeggibile, non si riesce a leggere alcunche.
Comunque una iniziale ipertrofia ventricolare sinistra sarebbe scontata dati i valori pressori ed il suo sovrappeso.
Arrivederci

Cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#2] dopo  
Utente
Buongiorno Dr Cecchini
ringrazio per educazione ma francamente la sua risposta mi lascia perplesso. Senz'altro giustissima per carità, nella mia descrizione ho scritto di essere in sovrappeso e con pressione alta, quindi la logica ci dice che se voglio provare a cambiare le cose devo scendere di peso e regolarizzare la pressione.
Il referto pare leggibile, probabilmente necessita di ingrandimento tramite lente in basso, ma non è questo il problema. Avevo posto, se non sbaglio con educazione, alcune domande in merito alla patologia e visto il suo notevole curriculum, poteva essere un occasione per ricevere un parere assolutamente valido e molto gradito.
Senza offesa e senza polemica, non mia intenzione.
Riporto il referto, se altri medici o lei hanno voglia di dare un parere in merito ad ulteriori esami da fare e spiegarmi anche brevemente in cosa consiste la patologia e quanta attenzione merita, non posso che ringraziare. In caso contrario nessun rancore, non è mia intenzione sminuire il lavoro che si fa in questo forum ne tanto meno pretendo una risposta.
Referto:

E.O. non reperti di rilievo clinico, polsi arteriosi nella norma, toni cardiaci ritmici, parafonici, non soffi. PA 130.90
ECG: ritmo sinusale, deviazione assiale sin, conduzione A-V nei limiti ( 160 msec), ripolarizzazione nei limiti
ECOCARDIO: ventricolo sinistro con normali diametri cavitari, spessori parietali aumentati come da note iniziali di ipertrofia concentrica, cinesi globale conservata, non evidenza di ipocinesie zonali, EF 65%
Atrio sin. E sezioni dx nei limiti. Valvole: non si evidenzia insufficienza mitralica, ma ridotta compliance diastolica del VS, Aorta tricuspide con normale flussometria valvolare, tratto ascendente ed arco aortico nei limiti. Pericardio indenne

Ringrazio e auguro a tutti voi buona giornata e buon lavoro
Cordialmente

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Forse non sono stato chiaro.

Lei NON ha alcuna patologia, viene segnalato solo:

"spessori parietali aumentati come da note iniziali di ipertrofia concentrica"

Non e' indicato o almeno non riesco a leggere le dimensioni in mm del setto.

Come le ho gia' detto questa iniziale ipertrofia concentrica e' legata ai due fattori di rischio che lei ha.

Cordialita'

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#4] dopo  
Utente
Grazie per la precisazione. Purtroppo le dimensioni non sono riportate nel referto, credo soltanto nelle immagini che ovviamente non riesco a capire
https://ibb.co/feccC0
https://ibb.co/njmtkL
https://ibb.co/k4EeQL
https://ibb.co/dWUqX0
https://ibb.co/mcd65L
https://ibb.co/h94Ps0

La ringrazio per il suo tempo
Buon lavoro
Cordialità

[#5]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Lo spessore del setto interventricolare riuslta essere 12 quindi molto modestamente ispessito. Si tranquillizzi

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#6] dopo  
Utente
Grazie mille Dottore
Buona continuazione
Saluti