Attivo dal 2018 al 2019
Gentilissimo dottore, buongiorno. La riscrivo poiché c’è un problema che mi capita spesso e sul quale vorrei dei chiarimenti. Soffro di gastrite ed ernia iatale accertati taniate gastroscopia, ed anche di colon irritabile, che mi genera molta aria e difficoltà ad andare in bagno. Soffro di ansia che curo con cipralex da 6 mesi con buoni risultati. Vengo al dunque: spesso mi capita, in particolare modo dopo cena, di venire assalito da fastidiose extrasistoli, che avverto poiché c’è un battito che anticipa il battito normale, ma non genera una pausa, bensì a volte si ripete anche dopo un altro battito normale e così via. Non appena riesco ad espellere forzatamente tutta l’aria a livello gastrico, queste extrasistoli sembrano sparire. Non le so dire il tipo, se siano sopraventricolari o ventricolari poiché tutti gli holter fa me effettuati ne hanno respirarte al massimo una decina. Quando le avverto in corrispondenza di questo gonfiore gastrico ne sono invece in gran numero, ripetitive e molto molto fastidiose. Eco ed ecg sono nella norma, d’altronde le scrissi il referto in un altro consulto e lei mi rassicuró che fosse tutto normale. Ora le chiedo, possono queste extrasistoli, soprattutto se fossero ventricolari, essere pericolose e diventare qualche di più serio magari una tachicardia pericolosa? Nel frattempo sto curando questo proforma con debridat e peptazol da 20 mg con discreti risultati. Grazie per la risposta

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Lei ha delle banali extrasistolia legate al suo problemna gastrico
Nessuna preoccupazione

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#2] dopo  
Attivo dal 2018 al 2019
La ringrazio per la risposta dottore. Anche il mio gastroenterolgo mi ha rassicurato dicendomi che una distensione addominale può causare questi effetti, soprattutto per chi come me ha anche un’ernia iatale abbastanza fastidiosa. Però mi chiedo, fermo restando che la maggior parte delle extrasistoli in generale non sono pericolose, il cuore può sopportare un numero elevato di extrasistoli (un centinaio o anche un paio di centinaia quando il problema si protrae per tutta la giornata) senza avere nessuna ripercussione o senza innescare nessuna aritmia preoccupante nel caso in cui fossero ventricolari? È questo quello che mi preoccupa, il fatto che potessero essere ventricolari poiché leggo che sono quelle più pericolose.

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
ma non diciamo sciocchezze...

arrrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#4] dopo  
Attivo dal 2018 al 2019
La ringrazio dottore, scusi se ho potuto dire qualcosa di errato ma questa situazione mi genera tanto fastidio e tensione. Le dico ciò perché queste extrasistoli le avverto benissimo misurando il polso, e avverto un battito che anticipa il battito normale, anche due volte consecutivamente. Dato che ho letto che se le extrasistoli ventricolari si presentano in modo precoce possono essere pericolose e causare gravi aritmie, mi chiedevo se in un numero così elevato ed improvviso di extrasistoli (negli altri giorni in cui non ho problemi gastrici non me avverto alcuna) potesse rientrare questo tipo molto più pericoloso? Grazie ancora dottore

[#5]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Assolutamente no
Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#6] dopo  
Attivo dal 2018 al 2019
La ringrazio dottore. Mi perdoni, vorrei chiederle un’altra cosa e chiudo qui con le domande. Per quanto riguarda una lieve insufficienza mitralica, che il cardiologo che mi ha effettuato l’eco definì come un piccolo soffietto e quindi non significativo, potrebbe essere anche questo il motivo delle extrasistoli o potrebbe aggravare la situazione delle extrasistoli rendendole dunque pericolose? La ringrazio

[#7]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Una lieve insuufficienza mitralica non determina extrasistoli

Si tranquillizzi

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso