Utente
Buongiorno,

sono una ragazza di 28 anni con un problema che mi assilla da un mese circa.
Ho uno stile di vita abbastanza stressante: molte ore di lavoro, responsabilità e faccio poca vita sociale al di là della vita di coppia.
Sono entrata in cura presso un centro cefalee a causa di un'emicrania cronica a maggio 2018 che ora è in fase di decronicizzazione grazie alla terapia farmacologica assunta (Laroxyl e Nimotop).
Ad inizio dicembre però ho notato un aumento degli episodi di mal di testa, con caratteristiche particolari (senso di pressione a tutta la testa, vertigini e vista offuscata). Ho misurato la pressione ed era molto alta (145,100), mai avuta in vita mia.
Ho continuato con la terapia per l'emicrania e la pressione è tornata a livelli normali.
Ora, da circa una settimana, sono tornata ad avere gli stessi sintomi con l'aggiunta di un senso come di puntura a sinistra del petto, quasi sotto l'ascella. Mi preoccupa possa essere il cuore anche se non mi sento particolarmente stanca, nè ho dolori forti.
La pressione è ancora alta, il medico mi ha prescritto il Cardura 2 mg e l'Holter pressorio.
Quest'ultimo ha rilevato pressione alta la sera (135-145 di massima 90-97 di minima) ed io continuo a sentirmi testa offuscata e tensione in tutto il corpo.
Ho smesso di fumare da poco e dovrei perdere una decina di kg...sto provvedendo a migliorare le mie abitudini.
Purtroppo mio padre è iperteso quindi so bene che non c'è altra via se non quella di avere sane abitudini alimentari e di vita.
Vorrei solo capire se a queste condizioni potrei avere qualche problema al cuore che causa questo dolore al petto e senso di vertigine.
I battiti sono regolari, a volte superano i 100 battiti al minuto ma solo se mi agito o faccio sforzi. Sono ansiosa.

Andrò dal cardiologo la prossima settimana ma vorrei avere un parere nel frattempo.

Ringrazio per il consulto

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
I suoi valori pressori vanno sicuramente curati e mantenutio al di sotto di 130/80 mmHg (preferibilmemnte 120/70 mmHg), non perche sia pericolosa nell'immediato ma nei decenni a venire puo' invece cerare problemi.
Non concordo molto sulla scelta del Cardura.
Una donna giovane, tachicardica e con valori pressori e cefalgica trova giovamento sicuramente con un beta bloccante (es. nebivololo)

Ne parli con il suo Medico

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#2] dopo  
Utente
Caro Dottore,

la ringrazio, ne parlerò con il mio medico.

Per il senso di puntura al petto non devo preoccuparmi dunque?
Sarebbe l'ipertensione a darmi questo senso di intontimento?

La ringrazio e auguro una buona giornata!

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Il dolore pubtorio sicuramente non è cardiaco
Il senso di stordimento invece forse è legato ai valori pressori

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso