Utente
Buongiorno,

da recente esame eco doppler carotidi sono risultate placche per di circa il 30%. Il cardiologo che ha effettuato l'esame ha prescritto 1 pasticca di Sivastin 20 mg al giorno.

Quando sono andato dal mio medico curante a farmi prescrivere Sivastin 20 mg, il medico ha detto che Sivastin non è sufficiente e che, per poter puntare non solo al contenimento ma anche a una effettiva recessione delle placche, mi ha prescritto Atorvastatina 20 mg + Cardirene 160 mg (una bustina dopo pranzo).

I miei livelli di colesterolo sono, da ultime analisi effettuate, di 209 totale (138 LDL) e per questo il mio medico dice che devo puntare a un colesterolo LDL di 50.

La mia domanda è: cosa bisogna fare in questi casi, seguire il parere dello specialista (cardiologo) o attenersi alla cura prescritta dal medico curante?

Grazie
Marco

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
I suoi valori di colesterolo non necessitano certo di terapia con statine .
L aspirina puo avere un senso . Cammini un ora al giorno, stia lontano da fumo anche passivo.


Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#2] dopo  
Utente
Buongiorno Dottore,

grazie per la risposta.

Quindi ne desumo che, secondo lei, avendo placche per il 30 % a 33 anni (mi scuso, non avevo indicato la mia età) non occorre fare nessuna cura per il colesterolo con statine. Faccio anche parecchio sport da sempre ma questo non sembra avere effetti troppo positivi, a quanto pare ho ipercolesterolemia per ragioni ereditarie.

Fino ad oggi e per un paio di anni ho utilizzato Armolipid Plus (riso rosso) e il livello di colesterolo totale si è sempre aggirato sui 190 o 200.

Grazie
Saluti
Marco

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
(l 'eta e' a noi visibile)

L' attivita fisica costante e blanda riduce senza dubbio la progressione delle placche, ma certo non le riduce.

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso