Attivo dal 2019 al 2019
Gentili Dottori,
scrivo a nome di mio padre, 63 anni, colpito da infarto un anno fa. Venne eseguita una angioplastica con stent medicato.
Dalla tomoscintigrafia da sforzo è emerso che attorno alla zona colpita da infarto (zona apicale) è presente anche un piccolo "alone" di ischemia.

Al momento mio padre assume Brilique due volte al giorno, Cardioaspirina, Torvast e Olevia.

Vorrei chiederVi:

1) Il cardiologo che seguiva mio padre, ora in pensione, aveva consigliato di sospendere il Brilique a Maggio 2020. L'attuale cardiologo invece ha deciso di sospendere la terapia il mese prossimo, a poco più di un anno dall'infarto. Vorrei un Vs parere, se possibile. In genere dopo quanto tempo si sospende questo farmaco?

2) Essendo presente questa piccola zona di ischemia attorno al punto dell'infarto, è sufficiente la cardioaspirina in associazione a Torvast e Olevia? Lo chiedo proprio in vista dell'imminente sospensione del Brilique.

Perdonate la mia ansia, ma avendo cambiato medico da poco (e in tutta fretta) siamo un po' destabilizzati e un secondo parere ci tranquillizzerebbe parecchio.

Grazie mille e buon lavoro a tutti!

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Il Brilique in effetti si interrompe dopo un anno
Se il paziente non fosse diabetico la Sa aspirina basterebbe se fosse
Diabetico il
Clopidogrel sarebbe preferibile

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso