Attivo dal 2019 al 2019
Buongiorno dottori,

Premetto di essere obeso tipo uno e sedentario per motivi di lavoro, quindi so già che la risposta è perdere peso e muovermi, cosa che per altro sto già facendo. 35 anni e uomo.

Da due settimane circa ho la pressione piuttosto alta 145/85 o valori simili, delle volte dei picchi a 150 delle volte torna a 125.

Ora, vorrei sapere quanto obbiettivamente rischio con questi valori, ed in quanto eventualmente possano diventare degenerativi.

Il motivo è che il mio medico insiste nel farmi prendere dei farmaci, mi ha prescritto norvasc da 2.5mg una volta al dì.

Leggendo il bugiardino e varie esperienze in rete il farmaco è tutto fuorché leggero e privo di effetti collaterali.

Secondo voi è davvero necessario?? O posso affidarmi ad una dieta bilanciata e alla perdita di peso?

So che tramite il farmaco abbasserei la pressione immediatamente, però come credo abbiate capito la soluzione, a meno che non strettamente necessaria non mi entusiasma.


Faccio notare che vivo negli stati uniti e chiedo un parere anche a voi perché qui hanno la mania di prescrivere pillole anche per un raffreddore. Vorrei un parere italiano, che sinceramente reputo molto più affidabile e professionale.

Grazie a tutti dell'aiuto.

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Nell'immediato non rischai alcunche' ma negli anni sicuraemnte si.
A parte la riduzione del peso, che dipende solo da lei, una terapia antiipertensiva e' suggeribile.
Sinceramente non impiegherei di prima scelta l'amlodipina (tra l'altro il dosaggio di 2,5 e' da ...criceti) ma piuttosto mi orienterei verso un ACE inibitore

Cordialita

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#2] dopo  
Attivo dal 2019 al 2019
Dottor Cecchini,

La ringrazio per la celere risposta.
Quindi mi consiglia sin da subito un ACE inibitore da continuare fino a sensibile riduzione del peso e poi eventualmente sospenderelo indefinitamente?

posso chiederle gli effetti collaterali nel corto medio periodo, e come mai questa scelta? (che a prescindere, riterrei più attendibile).

Nel complesso, sono valori preoccupanti o ancora del tutto gestibili?

La ringrazio infinitamente del tempo dedicatomi

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
lei è un soggetto maschio giovane, iperteso ed obeso.
Il farmaco di scelta è un ACE inibitore. maneggevole, sicuro ed efficace
tutto qui

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#4] dopo  
Attivo dal 2019 al 2019
La ringrazio dottore.

lavorero' alla riduzione del peso corporeo in maniera costante.

buona serata e rinnovo i complimenti per il servizio che offre.