Utente 491XXX
Salve, mia madre di 76 anni, con insufficienza mitralica, tricupsidale e aortica moderata, paps 50 mmhg, e FA, morbo di Parkinson. Da circa 15 giorni ha una fastidiosa tosse prevalentemente notturna, che disturba notevolmente il sonno. Da giugno assume ramipril, che ha sospeso da circa 6/7 giorni, ma la tosse permane. Avverte inoltre spesso bruciore di stomaco. Non ha gonfiore ai piedi. Da cosa è provocata la tosse dal cuoce o reflusso gastrico? grazie.

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Potrebbe essere da reglusso gastroesofageo ma anche da certi farmaci comme gli ACE inibitori.
Che farmaci assume la paziente?

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 491XXX

Salve dott. Cecchini, mia madre assume BISOPROLO, LIXIANA, (PRILACE fino a 6 giorni fa) adesso TAULIZ, LUVION, PANTOPRAZOLO, per Parkinson , MADOPAR, e MIRAPEXIN. grazie.

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Potrebbe essere l'effetto prolungato del Prilace, attenda una settimana

Arrievderci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente 491XXX

Dott. Cecchini, grazie per la risposta, quindi lei escludere bbe una causa puramente dovuta allo scompenso?

[#5]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Potrebbe essere da reglusso gastroesofageo ma anche da certi farmaci comme gli ACE inibitori.
Che farmaci assume la paziente?

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#6] dopo  
Utente 491XXX

Salve dott. Cecchini, mia madre assume BISOPROLO, LIXIANA, (PRILACE fino a 6 giorni fa) adesso TAULIZ, LUVION, PANTOPRAZOLO, per Parkinson , MADOPAR, e MIRAPEXIN.
Può essere dovuto alle insufficienze mitralica tricuspidale ed aortica moderata? Comunque in queste ultime due notti sembra che vada riducendosi.

[#7]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Attenda di aver smaltito tutto il Prilace, ci vorra ancora una settimana

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#8] dopo  
Utente 491XXX

Salve dott. Cecchini, la tosse si va riducendo. Ha effettuato controllo cardiologico con il seguente referto:
Ecg. FA, normale conduziuone e ripolarizzazione ventricolare;
Eco: Ventricolo sx con spessori normali, frazieone eiezione 52% volumi ridotti, ventricolo destro con funzione e cinesi conservata volume normali,
marcato ingrandimento atri, setti integri, nomlae pericardio, insufficinbeza mitralica e tricuspidale moderata/importante, insufficienza aortica moderata.

In tale condizioni quale puo essere l'ecoluzione e la qualità e l'aspettiva di vita di mia madre?grazie.

[#9]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Se L insufficienza mitralica è descritta come importante è da valutare la opzione chirurgica .
Ovviamente le immagini non le posso vedere
Consulterei un cardiochirurgo

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#10] dopo  
Utente 491XXX

Grazie per la risposta dott. Cecchini, mia madre è stata vista dal cardiochirurgo, il quale ritiene indicato intervento chirurgico. Mia madre non vuole farlo, il chirurgo ha detto che data la mancanza di volonta del paziente, e trattandosi di intervento complesso perchè occorre intervenire sulle tre valvole, l'intervento sarebbe molto rischioso ed il recupero incerto.
Lei quale andamento prevede per le condizioni anzidette , con la sola terapia medica?

[#11] dopo  
Utente 491XXX

Salve dott. Cecchini, fortunatamente la tosse si è tolta.
Il cardiologo ha inserito nella terapia la digossina 0,125 mg per 4 giorni a settimana. Le ritiene idonea la terapia farmacologica che mia madre assume?grazie.

[#12]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
LA velocita' del peggioramento e' imprevedibile.
In realta' da cio' che lei ha scritto probabilmente un intervento in minitoracotomia sulla mitrale potrebbe essere molto indicato.
E' chiaro che se la paziente non vuole operarsi e' inutile sentire altri pareri di cardiochirurghi

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#13] dopo  
Utente 491XXX

Ho letto di nuove tecniche , si potrebbe effettuare intervento sulla mitralica senza fermare il cuore e senza CEC?

[#14]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Si, ma se la paziente non vuole operarsi e' inutile eprlare di un intervento di ore..
LA salute e' sua ed e' lei che decide epr se stessa

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#15] dopo  
Utente 491XXX

Grazie per la risposta dott. Cecchini, mia madre ha solo molta paura (comprensibile) un intervento più "leggero" seppur limitato ad una sola valvola potrebbe convincersi nella prospettiva di un miglioramento dei sintomi. Ho letto sul web che alcuni centri effettuano l'intervento tramite accesso venoso senza fermare il cuore. La ridotta FE di mia madre può essere un elemento limitante per l'intervento? La digossina è un farmaco appropriato?

[#16]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Lasci perdere cosa legge su internet perché potrebbe anche convincersi che la terra è piatta
Gli interventi scarsamente invasivi non sono meno scevri di complicanze
Se la signora decide di farsi anestetizzare per 4-5 ore il tipo di intervento alla quale viene sottoposta è relativamente indifferente

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza