Utente 577XXX
Buonasera, auguri posticipati.
Sono un uomo di diciannove anni.
Nessun problema grave di salute come, esami generali completamente negativi.
Dal 2010 al 2015 ho sofferto di sottopeso - obesità lieve creata da fame nervosa, il mio stress causato da molteplici problemi mi portavano ad ingerire enormi quantità di cibo.
Son stato, soffrendo di lieve reflusso, da un gastroenterologo, da una pscicologa e da un medico.
La mia vita accompagnata da cari amici e sport dunque tornò normale.
Iniziai un rapporto buon con il cibo e persi finalmente chili su chili.
Negli inizi del 2019 un tragico evento mi portò ad avere forte depressione, angoscia, ipocondria e ansia...con successivo calo di peso come del resto una buona fetta di persone con problemi psitici.
Incontri con quello che divenne il mio angelo custode: un grande e paterno psichiatra, EFEXOR assunto per un poco non dico che mi tolsero l'ansia e l'ipocondria ma sicuramente mi ripresero a far mangiare e sopratutto mi ripresero a far campare...o almeno a provarci.
Come sto oggi, molto meglio...diciamo che l'ansia e il panico non mi permettevano di affacciarmi fuori al balcone, ora esco, rido, mi diverto e ho trovato l'amore.
Certo spesso sono ancora incatenato all'ansia.
Per quanto riguarda il cuore, numerosi esami fatti un annetto fà, compreso un holter fatto dopo alcune settimane dopo l'assunzione dello psicofarmaco (non so perchè mi fu consigliato) è sano da come suggeriscono più cardiologi (non ne ho uno fisso).
Quello che mi accade è sostanzialmente sintetizzabile in 3 parti
La prima: nonostante i miglioramenti mentali sono ancora una persona abbastanza ansiosa seppur sotto controllo, l'ansia mi fa soffrire di tachicardia ma non mi limita la vita.
Quindi spesso mi capia di averla e dura poco, diciamo passa dopo la preoccupazione
La seconda: mi capita anche quando mi sveglio la mattina, appena mi alzo e passa dopo na 30ina di minuti...
la terza.
esco sempre molto rilassato e distratto ma quando cammino per più di 30 minuti avverto una tachicardia (non violentissima) ma pari a quella di un uomo che corre.
Dato che quando esco sono sereno e distratto a vostro parere è dovuta al mio sottopeso, dunque è o no preoccupante...
Le mie domande finali sono molte...: posso stare tranquillo, sono aritmie gravi, debbo fare qualche nuova visita?
Ed un altra cosa che mi preme sapere è: se mi stanco cosi per un passeggiata a vostro parere è meglio ingrassare prima di fare qualche sport?
sSono molto molto magro e pensate, pur mangiando normale non riesco ad ingrassare molto...non riesco nemmeno a sollevare una cassa d'acqua delle volte.
Mangio carboidrati, potassio, magnesio...tutto ma forse, non so, dovrei abbondare di più.
La tachicardia da ansia non è violenta...quella da passeggio ha come contorno affanno e dolori fisici ma passa tutto al riposo...Inoltre, ultimo parere sentii parlare dei bata bloccanti, servono?
possa sapere cosa sono?

Buon 2020 a voi e famiglia

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Somministrare beta bloccanti ad una persona come lei non ha senso.
LA sua storia ricalca quella di almeno tre utenti di varie parti d' Italia, con la stessa descrizione della storia personale, familiare e del corredo sintomatico.

Rispondo quindi a lei come agli altri nella sua stessa situazione.
Non ha alcun problema di cuore e se mangiasse davvero lei non potrebbe essere cosi magro come lei si descrive.

Dale sue parole traspare un disagio che e' di pertinenza psichiatrica e pertanto la consiglio spassionatamente di rivolgersi ad uno psichiatra che si occupi dei disturbi della condotta alimentare, dei quali a me lei pare affetto.

Altrimenti ritornera' su queto sito ad elencare i suoi disturbi in modo in cui non potremo esserle utili

cordialmente

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 577XXX

Mi scusi se la rispondo solo oggi. Buongiorno. La ringrazio del consiglio, pur stando molto meglio ritorneró magari a fare qualche seduta. Per quanto riguarda il mangiare, io mangio normale, come una persona normale il problema è che sto recuperando ora mesi dove ho mangiato poco e nulla...tempo a tempo e arriverranoc anche i chilogrammi. Per quanto riguarda i sintomi, spesso, durante la digestione o a stomaco vuoto avverto una sola forte exstrasitole che precede appunto il fenomeno digestivo che avviene per via orale, non scendo nei termini. In parole povere avverto delle exstrasitole (1-2) o legate allo stomaco oppure magari dopo una forte ansia o tensione...anche se oggi è molto raro perche riesco a controllare entrambe. Credete sia normale
Con questo chiudo e la ringrazio del consulto, sono sicuro che andrà tutto bene e se accadrà un percentuale e anche grazie a lei che mi ha tranquillizzato.
Che il 2020 sia un buon anno per lei e la sua famiglia.
La saluto cordialmente