Utente 571XXX
Buonasera, premetto di essere un soggetto ansioso e di soffrire di reflusso gastroesofageo diagnosticato da specialista.
La settimana scorsa (dopo giorni di affaticamento al minimo sforzo, palpitazioni, dolore al petto sinistro e battito che varia dai 76 ai 100 a riposo, pressione 135/75 di media) , ho avuto al risveglio, mentre ero seduto, un senso di svenimento, accompagnato da offuscamento della vista, sudorazione fredda e un senso di oppressione allo stomaco.
In quella circostanza il battito era 103 misurato con pulsossimetro da dito.
La mia alimentazione non è perfetta e non pratico attività sportiva da anni.
Non fumo e non bevo alcolici.
Però dato quello che è capitato ho paura che da un momento all'altro possa accadermi qualcosa come un arresto improvviso.
In famiglia mia madre soffre di tachicardia e mio nonno ebbe un infarto dal quale riuscì a riprendersi senza gravi conseguenze.

È il caso di fare alcuni esami per indagare nello specifico?

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Il fatto patologicoe e' che lei a 20 anni usi un pulsossimetro...
Detto questo, data la frequenza che lei ha rilevatto, e' stato un problema ansioso

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 571XXX

Comunque la frequenza rilevata quando ho avuto il senso di svenimento era 73. Non so se cambia qualcosa.
So di essere purtroppo un soggetto patologico per quanto riguarda l'ansia e che per questo non può fare molto.
La ringrazio molto per la risposta. Buonasera

[#3] dopo  
Utente 571XXX

Buonasera dottore, mi dispiace ricontattarla. Un mese e mezzo fa per il reflusso e difficoltà respiratorie feci una visita al pronto soccorso durante la quale è stato svolto un ECG. Inizialmente creò preoccupazione nel medico di guardia ma alla fine pensando che il tutto fosse dovuto all'ansia ha deciso di non approfondire.
I dati sono: freq. Vent. 110 bpm
Assi p r t: 43 74 10
Int PR 162 ms
Dur QRS 96ms
Qt/Qtc 320/385 ms
Tachicardia sinusale
Anomalie dell'onda T aspecifiche
Ritmo ECG anormale
Se vuole e non le arreco ulteriore disturbo posso anche inviarle il tracciato

[#4]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
No guardi, non c'e' bisogno
Tracciato normale
Lei NON ha niente di cardiologico.

NON intasi il pronto soccorso per cretinate.

Con questo la saluto

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#5] dopo  
Utente 571XXX

Grazie mille per la risposta
Le auguro una buona serata

[#6] dopo  
Utente 571XXX

Buonasera dottore, ho eseguito una visita dal cardiologo con ECG e Ecocardiogramma.
L'ecg ha evidenziato ritmo sinusale con freq. Cardiaca 70 bpm
Turbe aspecifiche in fase di recupero.
L'ecocardio invece, e ciò quello che mi preoccupa, ha evidenziato un difetto del Dia. Al contempo, ventricolo sx normale per spessore parentale, apparato valvola mitrale normale per morfologia e funzione. Il dottore dato anche l'episodio di sincope ha valutato la possibilità di uno studio elettrofisiologico, però dato la natura dell'esame, mi ha proposto di fargli sapere entro lunedì. Io onestamente non so cosa fare, lei sinceramente cosa mi consiglia? Questo disturbo mi espone maggiormente a rischio di arresto cardiaco o di avere in futuro problemi cardiaci?
Mi dispiace disturbarla ulteriormente, cordiali saluti

[#7]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Non vedo alcuna indicazione allo studio elettrofisiologico.
Invece il DIA va indagato con un test alle microbolle e una ecografia transesofagea.

Se vuole ce ne faccia sapere l'esito

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#8] dopo  
Utente 571XXX

Buonasera dottore, in attesa degli esami relativi al dia ho una domanda da porLe. Cercando di ricordare, questo non è il primo caso in cui ho provato un senso di svenimento con oscuramento della vista, sensazione di debolezza, pallore e sudorazione fredda. Infatti mi è capitato due volte all'età di 10 anni. Da allora non mi è capitato più nulla del genere fino all'episodio del mese scorso se non le palpitazioni di cui non mi sono mai preoccupato più di tanto. Anche in questi altri due casi non c'è stata perdita di coscienza, né una particolare condizione scatenante l'episodio e ricordo che ero seduto. Episodi del genere sono necessariamente legati a cause cardiache/aritmiche o mi sto preoccupando troppo per nulla?

[#9]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Non mi pare assolutamente collegato al DIA.
Esegua i test che le ho consigliato

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#10] dopo  
Utente 571XXX

Quindi sono da inquadrarsi come episodi non necessariamente gravi. Perché dal momento che il cardiologo mi ha consigliato un esame così specifico come lo studio elettrofisiologico senza valutare prima altri esami (neanche per indagare il Dia) mi ha fatto preoccupare. Come le ho già detto però l'ecg non ha mostrato nulla di particolare.
Neeanche i miei genitori sanno se indagare di più il Dia o ricorrere ad un aritmologo e visto che non siamo medici, non sappiamo cosa fare. In tutta onestà, per questo le ho chiesto un secondo parere.
Grazie mille per la disponibilità

[#11]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Uno studio elettrofisiologico per una cosa cosi' banale?
Ma per cortesia...
Indaghi il DIA con gli esami che le ho consigliato per valutare la necessita della chiusura del difetto

La saluto
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza