Utente 584XXX
Salve ho 44 anni e soffro di extrasistoli e tachicardie da qualche mese, anche se le tachicardie (fino a 150 battiti al minuto! con senso di disagio e pressione a 180/110) ora non si presentano piu'.
Ho di natura in media tra i 46 e 60 battiti al minuto a riposo e la pressione sanguigna regolare senza farmaci.

Queste extrasistoli invece continuano e si presentano specialmente dopo i pasti ma talvolta anche al mattino appena sveglio o se faccio uno sforzo partendo da un momento di riposo (piu' raro)
Ho effettuato ad ottobre 2019 elettrocardiogramma che era a posto, ecocardiogramma che era ok + holter 24 ore che ha registrato 3 extrasistoli ma battito sinusale regolare + ho effettuato ecocardiogramma da sforzo con cicloergometro, disteso e piegato su di un fianco e con elettrocardiogramma annesso, risultato: le contrazioni cardiache sono apparse tutte regolari.
Ho avuto durante l'esame, solo un episodio di extrasistole che il medico ha definito "di quelle buone".
Durante lo sforzo ho portato i battiti a 136 al minuto e l'esame è risultato quindi senza nulla di anomalo.

Soffro comunque ancora di fastidiose extrasistoli piuttosto intense, secondo il vostro parere dovrei fare anche un holter di 7 giorni oppure uno studio elettrofisiologico o coronarografia?

Oppure queste extrasistoli potrebbero essere causate da una intensa gastrite diagnosticata tramite gastroscopia a Novembre 2019 e che mi causa anche del meteorismo e spesso dolori/bruciori al petto?

I medici che mi hanno visitato pensano che la causa delle extrasistole sia la gastrite.

Secondo un Vostro parere come posso affrontarle senza utilizzare betabloccanti?
Io sono abbastanza sportivo, se dovessi prendere dei betabloccanti posso fare sport (corsa) senza problemi?
Se dovessi diciamo "guarire" dalla gastrite, potrebbero passare anche le extrasistole?


Grazie in anticipo per Vostro interessamento e parere

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Beh se assumesse beta bloccantio sarebbe favorito nella corsa e non certo danneggiato

Che poi curando la "gastrite " possano passare anche le extrasistoli questo e' possibile, ma non certo

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 584XXX

Grazie infinite Professore per la veloce risposta!
Solo un'ulteriore domanda, dopo tutti gli esami cardiaci che ho fatto, è possibile escludere un problema di derivazione cardiaca o forse dovrei approfondire con un holter settimanale o con studio elettrofisiologico?
Diciamo comunque che le extrasistoli e le tachicardie di cui non avevo mai sofferto in vita mia si sono presentate in concomitanza della gastrite.

Grazie ancora Professore

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Studio elettrofisologico? Holter?

MA per cortesia...ha delle banali extrasistoli

arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente 584XXX

Grazie ancora Professor Cecchini! Cerchero' piuttosto di essere meno ansioso.

Cordiali saluti