Utente
Salve.

Sono una donna di 47 anni.
Da tempo assumo cardicor per alcuni episodi di pressione alta e tachicardia.
Premetto che ho il morbo di Basedow, in questo momento in fase remissima dei sintomi.
Ormai da tempo però il battito è sempre leggermente accelerato (senza assunzione di betabloccante è sui 90 battiti al minuto) e ad ottobre sono passata da 1, 25 a 2, 5 mg di cardicor.

Il ginecologo mi ha prescritto il lutenyl 5 mg e mi chiedevo, conoscendo le problematiche legate ai problemi circolatori e agli ormoni, se ci fossero controindicazioni.

L'altra domanda riguarda il cardicor.
Può essere un farmaco "a vita"?
O eliminando con iodio radioattivo la tiroide (cosa che dovrò affrontare se dovessero nuovamente ripresentarsi i valori acuti poichè ormai ho superato il 5 ciclo di tapazole) riuscirei ad eliminare anche questo farmaco?
Una volta ho letto che viene definito "salvavita" e può essere assunto per periodi lunghissimi.

Premetto che sull'argomento sono molto preoccupata avendo perso mio fratello a 46 anni con un infarto fulminante.

io lo assumo ormai dal 2016.

grazie

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
In realta se dovrà subire una ablazione tiroidea con radioiodio dovrà assumere terapia sostitutiva con tiroxina e pertanto suppongo che il problema tachicardia persisterebbe.
I beta bloccanti sono eccellenti farmaci e privi di rischi e perfettamente tollerati specie dalle,donne .
Nel suo caso,sarebbe preferibile,il,propanololo

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#2] dopo  
Utente
la ringrazio. Logicamente non mi permetterei mai di suggerire al mio cardiologo l'uso di un farmaco piuttosto che un altro (come lei consiglia). Potrebbe solo dirmi perchè sarebbe preferibile per me un altra molecola?
Mi direbbe comunque se il cardicor ha interazioni con il lutenyl?
a questo punto, sulla questione tiroide, con o senza sono rassegnata, ma dopo le sue parole, rincuorata!

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Perche' il propanololo interferisce positivamente con la formazione della tirosina.
Per ultimo il bisoprololo NON interferisce con il lutenyl
arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#4] dopo  
Utente
grazie. arrivederci a lei!