Utente
Gent.
mi,
Grazie fin da ora per eventuali risposte.

Scrivo per mia madre, 70 anni, ex fumatrice (6-7 sigarette al giorno, ha ormai smesso da 10 anni), in cura con rosuvastatina x ipercolesterolemia e 1/2 pastiglia Ramipril (5-25).

Misurando la saturazione con pulsiossimetro da dito accade che inizialmente sia intorno a 98% e poi pian piano scenda fino ad assestarsi su valori intorno a 93-94 (toccando anche 92%).
Bpm intorno a 70-75.
Secondo voi è necessario indagare la causa di questi valori di saturimetria e se si cosa sarebbe più opportuno fare?
Quale potrebbe essere la causa (anemia??
).
Aggiungo che nn lamenta alcun disturbo né dispnea né affanno in movimento (è una buona camminatrice).
Lo stesso saturimetro rileva a me una sarurimetria pari a 98%costante.

Grazie per l 'attenzione.

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
quei satirimetri domestici non sono affidabili , hanno troppe variabili che possono modificare il valore .
se sua madre è asintomatica ed è una buona camminatrice comprende che sbaglia il,pulsossimetro e nin sua madre.

arrivedèrci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso