Utente
Mia madre, 79 anni, soffre da sempre di pressione alta ma la teneva sotto controllo e anzi a volte si lamentava perché era leggermente bassina.
Lei prende Blopresid 32/12, 5 in inverno e Blopresid 16/12, 5 in estate.
Forse wuest'anno ha fatto l'errore di ridurre troppo il dosaggio, Blopress 8 per una settimana.
Ma ora è tornata a Blopresid 32/12, 5.
Ultimamente, precisamente domenica scorsa, ha avuto una crisi ipertensiva con valori di 198, 101.
Tramite il medico di famiglia l'abbiamo gestita a casa con il lasix e nel pomeriggioho ho fatto venire a casa un cardiologo per una visita e un elettrocardiogramma.
Tutto ok.

Poi ha fatto un'altra visita cardiologica con un nuovo elettrocardiogramma e un ecocardiogramma.
A parte la diagnosi di emiblocco anteriore sinistro, il cardiologo ci ha detto che stava bene e che doveva prendere il Tavor orosolubile per l'ansia.
Successivamente e precisamente ieri e oggi ha avuto un nuovo rialzo della pressione anche se di meno, ieri a 177 la massima e oggi a 161, 81 e poi 147, 78.
Il problema è stato anche che le pulsazioni sono salite a 104/105.
Lei si sentiva il cuore in gola.
Su consiglio medico le abbiamo dato Congescor 1, 25.
Inoltre sta prendendo ansiolitici per calmarsi.

Mia madre soffre anche di attacchi di panico ma mi chiedo se siano realmente questi a causare il rialzo della pressione e delle pulsazioni oppure ci siano cause organiche non indagate.

Grazie

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Iniziamo col dire che il Lasix è controindicato nel trattamento della ipertensione .
Concorso sull uso di un beta bloccante assieme al blopfesid ma il nebivololo è il più adatto per il profilo farmaco dinamico

arrivedèrci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso