Utente
Buongiorno, soffro da anni di cardiopalmo, percepisco un colpo al cuore o uno sfarfallio, piuttosto intensi e frequenti.
Negli anni andavano e venivano, ho fatto psicoterapia e associato zoloft e congescor e per un periodo sono stata meglio.
Adesso è da dicembre che percepisco nuovamente questo sintomo in maniera molto fastidiosa, tanto da condizionare la qualità della mia vita, perché ogni pochi secondi o minuti ho questo "colpo" al cuore.
Ho effettuato un holter 24h.
Tra 10 giorni ho la visita cardiologica, ma essendo preoccupata volevo trascrivervi i risultati per avere un primo parere.
Vorrei inoltre sapere, nel caso i risultati non siano preoccupanti dal punto di vista medico, se esiste una terapia per alleviare i sintomi.
Grazie mille.


Risultato holter
Ritmo sinusale con FC media delle 24h 83 bpm (min 50 bpm max 147.
Nelle ore notturne fc media 65-70 bpm.
)
Extrasistoli ventricolari isolate monomorfe non precoci (tot.
Ca.
160/24h) per alcuni brevi periodi (durata 30-40 sec) con cadenza trigemina (questo tra le 5.30 e le 7.30 del mattino)
Non fenomeni ripetitivi.

Non aritmie ipocinetiche.

Normale incremento cronotropo durante attività fisica riportata in diario.

N.
B. salvo gli episodi di trigeminismo ventricolare nelle prime ore del mattino, non correlazione tra gli eventi riportati nel diario clinico e eventi aritmici significativi.


L'unica cosa che mi sembra di capire e che mi lascia perplessa è che dice che gli orari in cui io ho segnato l'extrasistole avvertita non corrisponde a effettiva extrasistole... Tranne gli episodi trigemini del mattino (che tutte le notti mi svegliano).

Sentendomi il polso però, quando io sento questo colpo al cuore sento una variazione del ritmo.
Questo è stato ascoltato e confermato dal mio medico di base tramite ascolto del polso.
Cioè quando io dicevo "ora" lei mi confermava che era avvenuta un'extrasistole.

Vorrei quindi chiedervi se emerge qualcosa di pericoloso, se devo avere precauzioni particolari, in che casi preoccuparmi e recarmi al.
ps eventualmente e che tipo di terapia esiste per risolvere questo problema, che magari dal punto di vista medico può non essere significativo, ma per me.
che vivo questi colpi continui è veramente difficile da sopportare.
Sta rovinando la qualità della mia vita.
Gli episodi non mi innescano crisi d'ansia, ma mi preoccupano e soprattutto mi impediscono di fare le cose che vorrei perché mi disturbano in continuazione.

Grazie mille dell'aiuto dottori.

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Guardi al pronto soccorso, nel quale ho lavorato tanti anni, ci si va per cose serie e non certo per 160 extra ventricolari al giorno

lei non ha niente di cardiologico

la saluto
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso