Utente
Buongiorno Dottori, ho 30 anni, una storia di cardiopalmi ed extrasistoli percepite, senza però che mi preoccupassero.
Soffro occasionalmente di reflusso gastro-esofageo.

Questa mattina alle 4:00 mi sono svegliato improvvisamente avvertendo una frequenza cardiaca elevata, che ho registrato essere stata 148 b/min, pressione 120/70.
Essendo soggetto ansioso, onde evitare che il panico aggravasse il tutto, ho assunto qualche goccia di Xanax a scopo preventivo.
devo dire che stranamente però non ero in ansia.
La frequenza è rimasta sui 90-100 per un’ora, poi è tornata normale.
Ho assunto Maalox perché sentivo bruciare l’esofago ma anche pesare il petto.


Non mi era mai successo di svegliarmi la notte a causa di una tachicardia... pensate che la mia frequenza nel sonno diventa anche di 56 battiti! può un episodio di reflusso provocare 150 di frequenza?
?
Grazie

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
certo che si, specialmente in soggeti eretistici come lei

la saluto
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio molto Dottore della sua celere risposta .

Tengo a precisare tuttavia , che non ero in ansia e quando ho ripreso coscienza dal sonno , avevo già la tachicardia . Ma il cuore rimane iper stimolabile dal SNC a impulsi quali il reflusso anche se non c’è piena coscienza ?

Ps : riconosco di essere mio malgrado un soggetto eretistico , e devo ammettere che mi agito anche facilmente a qualsiasi sintomo , da un anno a questa parte ...

Grazie mille anticipatamente