Utente
Buongiorno,
50 anni, 65kg, altezza 1, 74, non fumo, pressione ed esami del sangue normali.
Pratico sport agonistico di endurance (ciclismo, corsa, nuoto).

Da qualche anno sono comparsi episodi di fibrillazione atriale parossistica rilevati da un holter e confermati dall'impianto di un loop recorder sottocutaneo avvenuto a ottobre 19.


Test da sforzo massimale ottobre 19: "regolare escursione cronotropa e pressoria.
Assenza di sintomi e segni clinici evidenti.
Presenza di rari BESV isolati durante l’esame.
Non alterazioni del tratto ST e dell’onda T rispetto al tracciato basale.
Test ergometrico non indicativo di risotta riserva coronarica da lavoro.
Ottima tolleranza allo sforzo".


Ecocardio ottobre19:
"Ventricolo sx di normali dimensioni, spessori e cinesi parietale
Normali indici di funzione sistolica e ventricolare sx
Ventricolo ds di normali dimensioni, spessori e funzione longitudinale
Normali dimensioni delle cavità atriali
Valvola aortica: tricuspidata.
Normale morfologia ed escursione valvolare.
Non rilevata insufficienza.
Non gradienti trans-valvolari.
Normali dimensionidel bulbo e aorta ascendente.

Valvola mitrale: normale morfologia ed escursione valvolare.
Minimo rigurgito privo di significato emodinamico
Non gradienti transvalvolari.
Pattern flusso transmitralico nella norma
Lieve insufficienza tricuspidale dalla quale si stima normale pressione sistolica polmonare
Non rilevati shunts a livello del setto interatriale.
Non si rilevano segni di versamento pericardico"

Da marzo20 si sono intensificati gli episodi di FA nonostante la terapia antiaritmica prima con flecainide, poi con sotalolo.

Data l'inefficacia dei farmaci sono stato recentemente sottoposto ad ablazione transcatetere con radiofrequenza per l'isolamento delle vene polmonari.


L'ecocardio transesofageo effettuato a luglio20 riporta:
Assenza di ecocontrasto spontaneo e trombosi in atri e auricola sinistra.
Ventricolo sx lievemente dilatato con normale cinesi regionale e funzione sistolica globale.
Pattern diastolico normale.
Minima insufficienza mitralica.
Atrio sx moderatamente dilatato.
Minima insufficienza aortica.
Ventricolo ds di normali dimensioni e funzione sistolica.
Minima insufficienza tricuspidalica.
Normale pressione polmonare.
Aorta ascendente nei limiti.
Assenza di versamento pericardico.


La domanda riguarda le modificazioni intervenute nell’atrio e nel ventricolo sx e le insufficienze rilevate a distanza di soli 10 mesi dall’eco di ottobre a quello transesofageo di luglio.
E’ possibile che la sola FA possa aver mutato così radicalmente la struttura del cuore oppure devo ricercare altro?
Può essere stato lo sport la causa?
Da ottobre a giugno non ho mai applicato carichi massimali e sono sempre rimasto ben al di sotto dell’80% della FCMAX?
Può esserci una cardiopatia nascosta?


Sono preoccupato in quanto l’atrio sx dilatato predispone a recidive di FA.
Non pratico più attività agonistica, è il caso che smetta del tutto con lo sport?

Grazie mille

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
In realtà la ecografia mette in evidenza volumi delle camere cardiache in accordo con L età

Si teanquillizzi
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso