Utente
Salve, vorrei chiedervi un parere su referto Holter 24h eseguito per extrasistolia fortemente sintomatica.


Età 21, non fumo, non bevo.


Ritmo sinusale con frequenza cardiaca compresa tra 43 e 140 bpm (81 bpm frequenza media).
Assenza di aritmie ipercinetiche sopraventricolari.
Numerose (2310) extrasistoli ventricolari, monomorfe, non ripetitive.
Assenza di turbe della conduzione dell’impulso e di alterazione ischemiche di ST/T.
10 episodi bigeminismo e 24 episodi di trigeminismo.


Ecocardio precedentemenre eseguito ha rilevato solo un lieve prolasso lembo anteriore mitrale, ritenuto fisiologico (sono alto e magro).


Alla luce di questi risultati, contando che un altro holter eseguito 6 mesi prima aveva rilevato solo 38 BEV e 5 BESV, secondo voi un intervento di ablazione transcatetere sarebbe da proporre al paziente, considerata anche l’intollerabilità del sottoscritto alla già tentata terapia con bisoprololo?
Sono infatti portatore sano di anemia mediterranea e con la pressione sempre al minimo già di norma, ho dovuto interrompere la terapia dal momento che non riuscivo a tollerarlo (stanchezza e debolezza, vista offuscata).


Integrazione di magnesio e potassio anche proposta non ha portato ad alcun miglioramento.


Grazie mille per il tempo dedicatomi!

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Lei non ha aritmie da trattare ne con farmaci ne tantomeno con un tentativo di ablazione

Ci conviva

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#2] dopo  
Utente
Grazie mille per la celere risposta, caro dottore. Non c’entra nulla se le aritmie sono aumentate nel corso del tempo? Glielo chiedo per curiosità.

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
assolutamente no
se lo,ripetesse tra una settimana probabilmente sarebbero molte meno

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso