Utente
Buongiorno, mi chiamo Antonio e sono un ragazzo della provincia di Lecce di 31 anni.
Vorrei esporvi il mio problema che negli ultimi mesi è diventato una vera e propria preoccupazione tanto da condizionare il mio quotidiano in maniera significativa.
Ultimamente in maniera saltuaria mi capita di avere degli attacchi di tachicardia inaspettati nel corso della notte, mi sveglio di all'improvviso e mi ritrovo ad avere i battiti che variano dai 130/140 bpm al minuto, il tutto raggiunge il picco massimo nell'arco di 10/15 minuti per poi regredire in maniera del tutto autonoma senza l' aiuto di calmanti.
In uno di questi episodi così intensi mi sono spaventato talmente tanto che ho chiamato il pronto soccorso, nel momento in cui mi è stato effettuato l' ECG avevo una frequenza di 145 BPM al minuto ma mi è stato detto di stare tranquillo perché era una tachicardia sinusale, sotto consiglio del Dottore che mi ha effettuato ECG, mi sono recato da un cardiologo ed ho effettuato questi esami: Ecocardiogramma, ECG, e Holter 24, tutto è risultato nella norma con una media di 66 battiti al minuto, 4 extrasistoli sopra ventricolari, e due sporadici picchi di tachicardia, 130 bpm al minuto durati però pochi secondi.
Detto questo, anche se i risultati sono stati tutti nella norma, non sono tranquillo, le tachicardie notturne se pur in modo più sporadico ci sono ancora, e quando arrivano la cosa più preoccupante è che mi capita di avvertire un ritmo irregolare, cerco di spiegarmi nel modo più chiaro possibile, mentre il cuore batte velocemente, ho la sensazione che rallenti in modo repentino per poi ritornare a battere più veloce, in quel momento avverto la sensazione di un battito più Forte rispetto agli altri, è una sensazione bruttissima che mi causa un angoscia terribile, ieri per la prima volta mi è capitato di avvertire la stessa sensazione ma senza tachicardia, avevo finito di cenare da poco ed essendo molto stanco, mi sono steso e addormentato quasi immediatamente, dopo nemmeno 10 minuti ho iniziato a sentire questa sgradevole sensazione di battito irregolare, sentivo il cuore battere in maniera più forte, e ogni 2/3 battiti regolari, un battito era piú lento e più accentuato, il tutto è sfociato poi nel solito attacco di tachicardia e battito irregolare, il tempo di mettermi in macchina per andare al Pronto soccorso e la sensazione era già finita, il battito era tornato regolare.
Non so più che fare, sono confuso, e ho la sensazione che qualcosa non sia emersa dagli esami effettuati, vorrei un consiglio su come procedere per eventuali altri accertamenti.
Grazie e buona giornata.

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Lei ha gia' effettuato numerosi esami che confermano che il suo cuore sia sano
Probabilmente c'e' una componente ansiosa che si gioverebbe sia di una terapia psichiatriche piccole dosi di beta bloccanti
Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio per la risposta Dottore, comunque sotto consiglio del mio medico curante ho effettuato nuovamente un holter questa volta di 48 ore le allego le conclusioni dell' holter che ho appena effettuato. Tempo totale di registrazione 47:50 minuti, la frequenza cardiaca media è di 67 BPM, la minima e di 43 BPM registrata alle 5:00 del mattino, la massima 139 alle 02:50 ( mi sono svegliato di botto come mi capita spesso con la solita tachicardia). Le VE totali sono 0, i VE run Sono 0 e le coppie run 0. Sono stati trovati 0 eventi bigemini e 0 eventi trigemini. Le SVE totali sono 4 e ci sono 0 SVE runs. La durata totale di episodi di afib/aflut e pari a 0 secondi. La durata totale degli eventi ST è di 0 secondi. Sono state trovate 3 pause maggiori ai 2.0 secondi, la più lunga di 4.17 secondi, i battiti in tachicardia sono meno dell' 1% e i battiti in bradicardia sono il 4%. Volevo un suoi parare, e soprattutto mi preoccupano quelle 3 pause superiori 2 secondi, una addirittura di 4, possibile che il mio cardiologo non abbia ritenuto opportuno approfondire la cosa? Grazie per un eventuale risposta.

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Le ho gia' risposto in un altro post.
Mi mandi la strip della pausa di 4 secondi perche' quell'holtger NON e' stato refertato da un cardiologo ma da un banale software non attendibile

grazie
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso