Utente
Sono un soggetto bradicardico, senza essere allenato sono intorno ai 50 bpm.

L'anno scorso ho partecipato ad una mezza maratona, quindi mi sono allenato, sono arrivato a 38/40 bpm a riposo, di notte anche meno.

Il giorno successivo la mezza (ottobre 2019) si è scatenato l'inferno, nel senso che da quel giorno ho delle crisi d'ansia (poche) e comunque vivo in uno stato d'ansia generale; questo é quello che mi è stato detto dopo due accessi al pronto soccorso.
Da gennaio 2020 sono seguito da uno psicoterapeuta in quanto non riesco più a fare sport, avverto extrasistole anche sottosforzo (prima mai successo).

Dal punto di vista clinico quindi, ho effettuato tutti i controlli:
- 07/2019 visita cardiologica, perché sapevo della mia lieve insufficienza mitralica, esito: stai benissimo!
- 12/2019 - prova da sforzo per certificato agonistico - esito: OK
- 12/2019 - holter 48 ore - esito: durante la registrazione costante ritmo sinusale, tendenzialmente bradicardico, interrotto da occasionale extrasistolia (2 battiti) ventricolare bimorfa.

- 12/2019 - prova do sforzo in ospedale - esito: test ergometrico negativo per segni e sintomi di ridotta riserva coronarica, non aritmie stress inducibili.

- 07/2020 - visita cardiologica - esito: pa 121/73, ECG: ritmo sinusale.
FC 51 bpm.
PR 0, 17 sec.
QRS circa 0, 8 sec.
QT circa 412/374 msec.
Sottoslivellamento aspecifico di ST/T (nel tracciato su carta millimetrata invece c'è scritto: bradicardia sinusale, corretto a penna con ritmo sinusale, sottoslivellamento giunzionale di ST, probabilmente normale ("probabilmente" cancellato a penna).

Obiettività cardiovascolare: attività cardiaca ritmica, toni validi, impurità sistemica mesocardica.
MV presente su tutto l'ambito polmonare.
Assenza di edemi declivi.
Non soffi carotidei.
Non segni di stasi e di broncostenosi.

Ecocardiogramma: ventricolo sx di normali dimensioni.
Funzione sistemica e cinetica globale e segmentaria conservate.
(FE circa 70%) atrio sx ai limiti della norma per dimensioni.
Ventricolo dx di normali dimensioni e normocontrattile (TAPSE> a 2 cm).
Valvola aortica tricuspide e normocontinente.
Pattern trasmitralico normale.
Al doppler minima insufficienza della valvola mitralica, al momento senza connotati di patologia, da minima protrusione in atrio sx del LPM.
Non evidenza di versamento pericardico.
PAPS derivata normale.
Aorta addominale, ascendente e arco aortico ai limiti.
Conclusioni: non attuali segni clinici e strumentali di cardiopatia; la lievissima insufficienza mitralica al momento non assume rilievo emodinamico.

Mio zio (fratello di mamma) ha avuto un infarto 2 anni fa (53 anni), comunque fuma, asma e lavoro stressante.

La mia insufficienza mitralica peggiorerà nel tempo?
Dovrò operarmi prima o poi?

Posso fare sport tranquillamente?

Questo sottoslivellamento di ST/T cosa significa?

Le 2 extrasistole che ho avuto sono ventricolari sono più pericolose?

La mia bradicardia potrà diventare un problema con l'avanzare dell'età?

GRAZIE!

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Lei e' una persona di mezza eta' e, facendo sport , deve eseguire un test da sforzo massimale ogni anno, quindi a dicembre prossimo, dato che lo ha eseguito lo scorso anno

Gli esami che lei riporta sono normali

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#2] dopo  
Utente
Grazie,
Immagino che ad alcune domande non ci siano risposte!