Utente
Buonasera dottori,

Qualche mese fa feci un holter cardiaco che rilevo 252 runs sopraventricolari a Fc parasinusale.
Mi spaventati moltissimo e tra l'altro quando furono registrati questi runs nell'orario descritto io non ho sentito assolutamente nulla.
Il mio cardiologo ha visto i tracciati e ha risposto dicendo che è un ritmo sinusale normalissimo, non c'era niente di anomalo.
Allora a quel punto ha concluso che l'errore era del riepilogo dell'holter, perché il tracciato era ok.
Mi ha detto inoltre che una respirazione veloce può essere stata interpretata come run (e non sarebbe da escludere dato che per problemi ansiosi respiro non correttamente) devo fidarmi o bisogna approfondire qualcosa?
A volte, molto raramente, parlo a distanza di mesi, noto uno sfarfallio, una specie di extrasistole prolungata che dura al massimo 5 secondi... Può essere qualcosa di patologico?
È questa l'origine della mia ansia e cardiofobia.


Grazie

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
No...sono dei banali artefatti comunissimi in chi legge centinaia di Holter all'anno come il sottoscritto.

Si tranquillizzi

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#2] dopo  
Utente
Grazie mille dottore per la risposta,

È da più di un anno che soffro di questa ipocondria che mi ha portato a fare 7n sacco di esami: eco (+1+4 prolasso dalla lam per il resto ok) per motivi sportivi faccio ecg sottosforzo ogni anno e non mi hanno rilevato mai nulla di anomalo se non l'ultima volta che sono entrato in studio con 120 di fc per attacco di panico ( anche se devo dire che non mi hanno messo a mio agio e tra l'altro non possono tenermi solamente 3 minuti sulla cyclette... ) per questo prossima settimana faccio un vero esame ecg sottosforzo da privato. Tutti i medici mi dicono che è ansia ma davvero, per chi è patologico si fa fatica a prendere fiducia che vada tutto bene. Martedì inizio un percorso per la cura dell'ansia e spero funzioni perché non vivo più. È come se non concepissi il fatto che il mio cervello è i miei pensieri non infkuiecqno sul cuore. Per me è tutto bianco e nero patologico(fisicamente ) o non patologico.

Grazie mille e tolgo il disturbo, ha molto di meglio da fare che rispondere a uno come me.
Mi scuso ancora

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
No, affatto
Non c'e' un percorso come dice lei per curare l'ansia e' il pnico
C'e' una terapia farmacologica chela fara rinascere.

BAsta rivolgersi a psichiatri in gamba della sua zona

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#4] dopo  
Utente
Mi hanno prescritto un sacco di volte lo xanax in questi anni: nel 2014 per paura di avere problemi alla schiena che non avevo. 2016 per mal di testa, ovviamente ansia.... È poi il cuore adesso, ovviamente non le nego che sono stati tutti attacchi di panico refertati da ricovero da PS. Adesso col cuore quest'anno non so quante visite ho fatto e quante ne farò (volevo prenotare RMN cardiaca perché ho pectus excavatum e vedo il mio battito visibile sulla pancia quando mi stendo a letto e per queste extra che durano qualche secondo ma mi è stata negata perché non necessaria, la cosa mi irrita, farò appunto un ecg sottosforzo serio giovedì e vedremo se spunta qualcosa x sempre se non vado in attacco di panico durante l'esame ) sta di fatto che ho provato solo una volta a prendere tre gocce di xanax per curiosità... Guardavo il vuoto ero stordito, e pensare che non è neanche considerata una dose tre gocce. Ho solo bisogno di tornare a essere me stesso. quello che riusciva tre anni fa a fare 20km di corsa di fila senza problemi, carico di energia e pieno delle proprie potenzialità.

Con questo la saluto, giustamente non è più di sua competenza quindi la lascio stare.

[#5]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
lo xanax è un sintomatico e non è una terapia per lei

si rivolga ad uno psichiatra serio

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso