Sintomi angina pectoris a causa farmaco per ipertensione?

Gent.
mi Dottori,

sono una donna di 48 anni, peso 79/80 kg e assumo eutirox 100 purtroppo da 28 anni per tiroidectomia totale.

Il 27/01 mi sono recata al pronto soccorso per valori pressori irregolari e molto alti.

Ero molto agitata e la pressione riscontrata ha avuto un picco di 182 di max e 100 di minima e poi si è stabilizzata sui 160/90.

Sono stata monitorata con ecg e i battiti erano molto alti, media 99.
Ho fatto anche esami del sangue e non è stato riscontrato nulla se non una anemia di cui ero già a conoscenza in quanto portatrice di anemia mediterranea.

Mi sono state somministrate 5 gocce di Nifedicor e la pressione è scesa a 150/85.

Mi è stato consigliato di iniziare Ramipril 5 mg al mattino e Bisoprololo 1.25 mg.

Parlando con il mio medico di base abbiamo convenuto di assumere Ramipril al mattino e Bisoprololo la sera dato che al mattino assumo anche eutirox.


Vi scrivo pero' perchè assumo questi medicinali da 3 gg e ho notato che quando faccio una camminata anche dopo 500 passi comincio ad avvertire una costrizione al petto lato destro che si propaga alla schiena e al collo.


Prima non mi capitava perchè camminavo tanto e anche molto velocemente e oltre al battito accelerato non soffrivo di questi disturbi.


E' possibile che siano i farmaci?


La pressione è scesa e ora ho una media di 120/75.


Fra 3 gg dovro' sottopormi ad un ecocardiografia ecocolordoppler, secondo il vostro parere posso stare tranquilla e attendere la visita oppure recarmi al p.
s.?
Altro consiglio, data la visita che dovro' fare, i farmaci che prendo devo sospenderli oppure è meglio di no?


Grazie
[#1]
Dr. Maurizio Cecchini Cardiologo 69,8k 2,6k 2
innanzi tutto il bisoprololo va assumto al mattino e non la,sera ,tranquillamente assieme al,ramipril e questo per note questioni di,farmacodinamica delle due molecole.

detto questo i sintomi che lei riferisce non sono certo attribuibili ai famarci.

essendo però una donna di oltre mezza età ed ipertesa le consiglierei di programmare una prova da sforzo

cecchini

Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#2]
dopo
Utente
Utente
Dott. Cecchini,
leggo i suoi consulti da anni e la ringrazio per il veloce riscontro. Sono una persona sportiva e pratico da anni acquagym, purtroppo sospeso a causa del covid.
Mi tengo spesso monitorata e ogni anno faccio dei controlli di routine.
A fine novembre ho effettuato il test sotto sforzo e non è emerso nulla di particolare se non una extrasistole. La Dott.ssa in quel caso mi ha detto di prendere del magnesio per un paio di settimane. Anche durante la visita il medico ha notato la mia pressione un po' eccessiva, ha pensato si trattasse di agitazione dato che appena arrivata era a 170/100 e dopo 10 minuti era scesa a 120/80. A quel punto mi ha fatto il test e mi ha consigliato un holter pressorio con calma che pero' non ho ancora avuto modo di fare.
Confesso che ho spesso extrasistole e anche per questo motivo faccio controlli cardiologici.
In ospedale durante il monitoraggio ne ho avute alcune ma anche in quel caso hanno detto che non erano rilevanti.
Quindi posso spostare la dose da 1,25 a domani mattina senza problemi?
Rifaro' sicuramente il test sotto sforzo se necessario ma per l'ecocolordoppler devo sospendere i farmaci o non si deve?
Nel caso dovesse trattarsi di angina o altro si puo' vedere da un'ecocolordoppler?
Purtroppo questi dolori durante una semplice camminata ce li ho veramente da un paio di giorni, proprio da quando assumo i farmaci.
Grazie e buona serata
[#3]
Dr. Maurizio Cecchini Cardiologo 69,8k 2,6k 2
Per escludere alterszioni ischemiche da sforzo occorre eseguire appunto un test da sforzo.
Questo,esame va effettuato dopo,tre giorni di sospensione del beta bloccante affinché non venga falsato ,mentre puo proseguire con il,ramipril .

arrivedérci

Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#4]
dopo
Utente
Utente
Ho provato a non prendere il betabloccante la sera per spostare l'assunzione al mattino ma in realtà la sera il cuore batte molto piu' veloce, purtroppo all'1:00 del mattino con 110 battiti ho assunto il bisoprololo per poterlo calmare.
Credo intervenga anche un fattore di ansia, non lo escludo, pero' mi chiedevo se puo' creare problemi l'assunzione serale (a me molto piu' adatta) rispetto a quella del mattino.
Cordialmente
[#5]
Dr. Maurizio Cecchini Cardiologo 69,8k 2,6k 2
La sera il cuore le batte piu' forte perche il beta bloccante che ha assunto la sera prima non "arriva a coprirla".
Cio non toglie la possibilita' di assumerne uno al mattino ed uno alla sera, dal momento che 1,25 mg e' un dosaggio molto basso, oppure cambiare beta bloccante passando a propanololo ad esempio.

Arrivederci

Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa