Ansia o sintomi cardiaci e brugada?

Salve ho 25 anni ed esami sia del sangue (fatti 2 mesi fa) sia cardiaci (fatti a giugno 2020) nella norma, apparte una sospetta sindrome di brugada scoperta a me e mio fratello quando avevo 14 anni e che controllo ogni anno dalla cardiologa dottoressa Bongiorni.
Non ho alcun caso in famiglia di morte improvvisa e io stesso non ho mai avuto né svenimenti né altro.
Mio fratello (a cui è più marcato nell'elettrocardiogramma la somiglianza alla brugada) ha svolto l'elettrofisiologico con esito negativo.


Tornando a me, Vengo da un periodo di forte ansia curata da un terapeuta senza uso di farmaci.
Ho avuto una ricaduta ora e con ciò sono arrivati anche dei sintomi quali spossatezza, avere spesso il battito accelerato (in condizioni normali 65-75, quando sono parecchio agitato superano raramente i 100 di poco) spalle indolensite, problemi gastro intestinali, stomaco gonfio e a volte un senso di vuoto al petto, che se ho capito bene potrebbero essere extrasistole.

La domanda è questa, dato che ho fatto tutti i controlli nemmeno un anno fa, e che la dottoressa bongiorni mi ha detto di stare tranquillo (mi ha detto anche che non è necessario andare tutti gli anni a controllo, mi basterebbe 1 volta ogni 2, 3 anche se quando raggiungo i 30 anni vuole farmi svolgere anche a me l'elettrofisiologico) è sempre meglio fare di nuovo i controlli o sono solo sintomi dell'ansia?

Grazie mille.
[#1]
Dr. Maurizio Cecchini Cardiologo 70,2k 2,6k 2
lei non ha bisogno di alcun controllo
necessita solo di un anno vita normale
probabilmente avrebbe bisogno di uno psicoterapeuta

arrivederci

Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie mille anche se in ritardo per la risposta. Ho seguito il suo consiglio è ho contatto un psicoterapeuta. Un ultima domanda dottore: considerando che ho 25 anni, mai avuto sincopi o svenimenti, nessun caso in famiglia apparte mio fratello (che come dicevo ha svolto l'esame elettrofisiologico con esito negativo) secondo lei, è il caso che svolga anche io l'esame elettrofisiologico? Oppure il fatto che mio fratello (il quale l'aspetto a sella nell'elettrocardiogramma è più evidente del mio) è negativo può far star tranquillo anche me?

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa