Utente 409XXX
Gentili Dottori, Vi scrivo per avere cortesemente un Vostro parere riguardo una situazione difficile che sta vivendo mia sorella.
Da qualche tempo, forse 1 anno adesso, ha riscontrato delle problematiche al gomito (il padre ha avuto lo stesso problema) accusava dolore, dopo una visita con elettromiografia ha ricevuto pareri diversi e discordanti, chi diceva che non avesse problematiche rilevanti, chi diceva che avesse una compressione del nervo ulnare: dopo tante peripezie: confermata la diagnosi riguardo la problematica del nervo ulnare.
Lo "specialista" ortopedico ha ritenuto non opportuno procedere con la decompressione bensì con infiltrazioni di a base di cortisone... son passati circa 3 mesi e purtroppo la parte non sembra essersi ripresa, anzi, è peggiorata!! ! Adesso ha tutta la zona del gomito violacea e gonfia, si intravede addirittura un ossicino che fuoriesce, magari dovuto al gonfiore?
è una situazione assurda, e la cosa più assurda è il medico che se ne esce tristemente con "se non funziona così allora non saprei come procedere".
Giustamente mia sorella è abbastanza traumatizzata dopo l'esito di questa "terapia" e vorrebbe ricevere un aiuto da un medico competente.
Mi chiedo a chi dovrei rivolgermi, mi hanno indirizzato verso un chirurgo della mano, è il medico adatto?
Potrei avere un Vostro parere in merito?
Ovviamente Vi chiedo solo delle supposizioni in merito, non potendo vedere la situazione di mia sorella, ma come mai l'ematoma?
Vi ringrazio e porgo cordiali saluti.

[#1]  
Dr. Giorgio Leccese

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
MATERA (MT)
TRANI (BT)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

si, il chirurgo della mano.
Se esiste una compressione del nervo ulnare e non migliora con gli integratori neurotrofici (in questo specifico caso, non concordo con le infiltrazioni di cortisone), occorre liberare il nervo chirurgicamente, prima che comincino i danni a valle (atrofia dei muscoli intrinseci della mano).

Buona giornata.
Dr. Giorgio LECCESE

NB: il consulto online non può nè deve sostituire la visita reale