Utente 401XXX
Buongiorno.

Ho una storia abbastanza travagliata di operazioni per fistola sacro-coccigea.

La prima volta operato due anni fa, il problema si è ripresentato una seconda volta per cui - a maggio di quest'anno - ho dovuto affrontare una seconda operazione per una recidiva.

E' da un paio di giorni, invece, che la zona della ferita - ora completamente rimarginata - continua a farmi mediamente male al contatto.
Pensavo fosse una casualità legata al cambiamento del tempo, che qualche volta mi ha procurato piccoli fastidi - simili a prurito - proprio su di essa.
Invece, quando provo a tastare un po' più a fondo, avverto un lieve dolore.
Non ci sono secrezioni, all'esterno, né aspetto strano.
La ferita, così come la cicatrice, non sembra essere gonfia - eppure, fa abbastanza male al tocco più specifico.

Per motivi personali sono costretto a sedere, un paio di volte a settimana, in una postazione abbastanza scomoda - che va a gravare proprio su quella zona del corpo.
Potrebbe trattarsi di una semplice infiammazione?

Grazie a chiunque prenderà in analisi questo problema.

[#1]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Con l' intervento si asporta anche il tessuto adiposo che fa da cuscinetto, l' assenza di tale "cuscinetto" e la fibrosi cicatriziale potrebbero essere responsabili della particolare sensibilità di quella zona quando si esercita pressione sulla cicatrice.
Va ricontrollato.
Prego.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com