Utente
Buongiorno, ho 30 anni, gioco a calcio.
Da un anno ho fastidio/dolore nella zona addome sinistro basso/inguine; altezza slip o pantaloni.
E’ un dolore sordo (non pungente, ne bruciore).
Allego immagine per capire meglio la zona.

https://www.noene-italia.com/wp-content/uploads/2015/10/ernia-addominale1.jpg

In piedi o sdraiato il dolore c’è ma in forma non eccessiva, si accentua molto in posizione da seduto (es.
in ufficio/alla guida), e quando porto la gamba al petto in flessione anca.
Il sintomo è maggiore se utilizzo pantaloni/jeans stretti che premono sulla zona dolente.


Il problema si è presentato il giorno dopo una partita, penso sia affaticamento, sto a riposo e passa in in una settimana.
Riprendo a giocare, si ripresenta nella stessa forma, gioco l’ultima partita nonostante un po' di fastidio, dopo riposo e il dolore sparisce nuovamente (Aprile 2019)

Dopo 3 mesi (Luglio 2019) faccio una corsetta blanda di 10 min e il problema torna, da quel momento non andrà più via; è un problema che mi accompagna in qualsiasi momento della giornata, ma irregolare, ci sono giorni che è forte e giorni in cui è molto lieve, ma comunque non passa.
Da un anno e mezzo sono fermo, non faccio nessuna attività fisica.


Penso sia un problema muscolare, allora faccio sedute di tecarterapia e ultrasioni, senza risultati (Settembre 2019).


Mi viene detto che potrebbe essere un problema di instabilità dell’anca, faccio 2 mesi di potenziamento muscolare e rinforzo di glutei, quadricipite, coscia con nessun miglioramento.
Dopo ultimo allenamento forse troppo pesante, ho peggioramento del dolore che dura 1 settimana.
(Novembre 2019)

Cambio fisioterapista che palpando la zona riscontra una formazione di fibrosi sull’ileopsoas in seguito a lesione, mi fa manipolazione, 3 onde d’urto e 5 ultrasuoni.
(Gennaio 2020)
Qui il dolore si attenua tantissimo, torno a correre e fare esercizi di potenziamento in modo graduale, con un fastidio leggerissimo (quasi nullo), ma subisco ennesima ricaduta con il dolore che si mantiene più forte per circa un mese.
(Marzo 2020)

Visita Ortopedica in cui tutti i test sono negativi e non viene riscontrato nessun problema all’articolazione.
Mesoterapia sul punto dolore, con peggioramento dal giorno successivo che dura 10 giorni circa.
(Maggio 2020).


Il fisioterapista pensa possa essere un problema di tipo posturale, dopo qualche seduta nessun risultato.
Faccio ulteriori 4 onde d’urto ma nessun risultato (Giugno 2020).


ESAMI STRUMENTALI:
RMN coxo-femorale Novembre 2019:negativa
Ecografia Inguine/Psoas Giugno 2020:negativa
RMN lombo-sacrale Giugno 2020:riduzione lordosi medio lombare e rettilineizzazione metameri vertebrali
Visita Urologica Giugno 2019:negativa
RMN coxo-femorale Luglio 2020:negativa

Può un problema muscolare durare un anno?

Colon Irritabile?

Può essere una piccola ernia che non è visibile in RMN?

Conflitto femoro-acetabolare?


Spero qualcuno possa darmi una mano ed indirizzarmi verso una visita specialistica/diagnostica appropriata.

Grazie in anticipo.

[#1]  
Dr. Sergio Sforza

36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Gentile utente lo specialista più idoneo mi sembrerebbe un fisiatra, non penserei ad una patologia erniaria.
Saluti
Dr. sergio sforza
https://www.medicitalia.it/sergiosforza