Utente
Gentili dottori sono un po' confusa.

Verso l'inizio di agosto ebbi un episodio di dolore fastidioso al fianco destro che prendeva il rene e la parte anteriore fino all'ombelico.

Nel pomeriggio passò tutto e si pensò a qualcosa di passeggero dell' intestino.

Dopo una settimana e mezza questo dolore è comparso dinuovo ma questa volta per restare quasi un intera settimana fino a quando una sera, diventato insopportabile, mi sono recata al pronto soccorso dove mi hanno fatto un ecografia e anche senza riscontrare nulla ha detto che era stata una colica renale.

Torno a casa senza dolori grazie alle viale si toradol.

Dopo due giorni il dolore ritorna così prendo un Oki e mi reco dal mio dottore il quale mi diagnostica un appendicite dandomi degli antibiotici e dicendomi che mi avrebbe operata.

Prima di iniziare la antibiotico però faccio le analisi del sangue per analizzare i globuli bianchi.

Tutto nella norma.
Finita l estate ritorno dal mio dottore che mi fissa l operazione, mio padre però non sicuro della diagnosi mi fa visitate da un altro chirurgo che mi dice che non c e nessuna appendicite ma che effettivamente non è chiaro su cosa potrebbe essere.

Ora la mia domanda è... Il mio dolore si sviluppa al lardo destro del fianco, prende il rene e solo a volte scende un po' più in giù ma di solito resta lì, per fare capire tra l ultima costola e l inizio del bacino e si sposta dietro non avanti.

Ultimamente mi sta capitando che mi facciano male entrambe le gambe ma non ho mai avuto febbre, o nausea o altro.

Come posso capire se è effettivamente appendicite?
?
?

Grazie mille

[#1]  
Dr. Sergio Sforza

36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Gentile utente, si faccia seguire da un gastroenterologo, da ciò che riferisce non ha un’appendicite acuta e solo quest’evenienza è motivo di un intervento d’urgenza, il resto si valuta nel tempo con il suddetto specialista.
Saluti
Dr. sergio sforza
https://www.medicitalia.it/sergiosforza