Parere linfonodi

Salve sono una donna di 36 anni.
Da circa 3 mesi soffro di sporadiche coliche addominali e crampi all altezza Dell ombelico.
Circa 1 mese fa ho visto un gastroenterologo che mi ha prescritto una cura per il mio problema di stipsi mostrandosi certo che quello fosse il motivo dei miei dolori.
Ho iniziato la cura con effetti soddisfacenti (mi liberavo ogni giorno) ma dopo 15 giorni di terapia mi sono ritrovata con crampi addominali soprattutto nella regione ombelicale, dolore ai reni e fitte sotto la pancia comprensi utero e vagina.
Dopo circa 1 ora di dolori terribili pensai di dover andare al pronto soccorso ma poi quasi miracolosamente i dolori si sono placati grazie ad una borsa d acqua calda.
Il giorno seguente ho avvertito una pallina dolente su pfinnestiel (laparotomia anno 2017).
Dopo qualche giorno ancora stessi dolori e decido di recarmi in pronto soccorso dove gli esami del sangue sono risultati nella norma, tutto bene anche dalla ecografia addome completo.
Mi vengono prescritti gastroscopia e colonscopia che effettuerò la prossima settimana.
Purtroppo però dopo 2 giorni dal primo pronto soccorso sono ritornata in ospedale per forti dolori sotto la pancia e all inguine sinistro dove ho avvertito un'altra pallina così come se ne è accorto anche il medico che mi ha visitato sospettano un laparocele.
Mi hanno fatto una tac e non hanno riscontrato praticamente nulla.
Sono passati pochi giorni dall ultimo pronto soccorso e da allora ho cominciato a sentire palline sotto la pancia, Nell inguine, sul collo e nella regione iliaca.
Ho fatto una visita ginecologica ieri e mi han detto che non ci sono problemi riferibili a questo tipo di dolori.
Stamane ho chiamato il medico di base perché ho iniziato a sospettare che si possa trattare di linfonodi e mi ha consigliato di fare una ecografia cute e sottocute.
Sono molto spaventata e vorrei un parere soprattutto perché queste palline/linfonodi mi provocano dolore intenso.
Nella zona iliaca destra addirittura a volte la sento pulsare e contemporaneamente mi viene una fitta nel terzo dito del piede destro.
Ringrazio anticipatamente per l attenzione.
[#1]
Dr. Maurizio Giacomelli Chirurgo generale, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo toracico 15
Purtroppo non la potrò seguire dopo questa mia.
Suggerirei che un Chirurgo la visitasse per effettuare una biopsia escissione di un linfonodo che a suo qiudizio potrebbe essere significativo. L'esame istopatologico è diagnostico.
Se vi è il dubbio di un laparocele sulla ferita, l'ecografia è diagnostica.
Se si pensa alla comparsa di linfonodi come espressione di una malattia generalizzata è d'obbligo una PET dopo la biopsia escissionale.
Bisognerebbe soprattutto essere visitata da un medico che non sappia solo leggere referti ... ma è difficile...


Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa