Utente
Mia moglie si é sottoposta all'addominoplastica circa 1 anno e mezzo fa. Vorrei sapere se ci sono pericoli o rischi per portare a termine una gravidanza, sia per la mamma che per il bambino. Grazie per la risposta.

[#1]  
Dr. Claudio Bernardi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
RIMINI (RN)
MIRABELLA ECLANO (AV)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Gentile utente,
non esistono problemi nel portare a termine una gravidanza dopo addominoplastica. Generalmente si opera quando non sono preventivate ulteriori gravidanze solo per il fatto che, da un punto di vista estetico, un ulteriore ingrossamento della cavità addominale potrebbe portare ad uno sfiancamento o ad eccessi cutanei. In questa evenienza si potrà pensare ad un'ulteriore correzione.
Distinti saluti
Dott. Bernardi Claudio
Chirurgia Plastica
http://www.claudiobernardi.it
Dr. Claudio Bernardi
Chirurgia Plastica
www.claudiobernardi.it - www.lachirurgiaplastica.net

[#2]  
Dr. Demetrio Germano'

24% attività
8% attualità
8% socialità
MESTRE (VE)
VENEZIA (VE)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
Concordo con il collega,nessun problema per la gravidanza,
consiglio di mantenere trofica la cute, con creme specifiche per tutta la durata della gestazione, per una migliore retrazione cutanea dopo il parto.
Cordialmente,
Dr. Demetrio Germanò
Demetrio Germanò

[#3]  
Dr. Giuseppe Liardo

24% attività
0% attualità
16% socialità
GELA (CL)
CATANIA (CT)
ACIREALE (CT)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2004
Egr. Sig.,
l'addominoplastica eseguita prima dell'intervento non pone alcun problema nei confronti di una gravidanza successiva. Generalmente, si consiglia eseguirla successivamente alle gravidanze, poichè queste nella maggior parte dei casi "lasciano" i segni con smagliature, eccessi cutanei, adipe e rilassamento con diastasi dei muscoli retti dell'addome. Avendola già eseguita, non posso che consigliarLe, così come già detto, delle creme "elasticizzanti" che riducano gli effetti cutanei sopra enunciati.
Cordiali saluti
Distinti saluti
Dr. Giuseppe Liardo
www.giuseppeliardo.it