Utente
Buongiorno ho 33 anni e sono un'ex obesa, due anni fa sono stata sottoposta a diversione bilio pancreatica e sono passata da 120 kg a 67. Circa 2 mesi fa ho scoperto di avere un laparocele sovraombelicale e a novembre ho avuto un intervento di addomino + laparocele sovraombelicale ('riduzione del laparocele e la sintesi di muscoli retti addominali').
Inizio dicendo che a parer mio e del mio dottore le ferite sono molto belle, si stanno richiudendo bene e non hanno problemi.
Ci sono però 2 cose che mi preoccupano parecchio:
- all'altezza del laparocele continuo a sentire, praticamente sempre, un dolore molto simile ad un bruciatura e a volte è come se dall'interno verso l'esterno avessi un qualcosa che punge, ci sono giorni che non sento nessun fastidio, altri in cui mi fa male persino ridere. A cosa può essere dovuto questo fastidio? Non vorrei aver fatto qualche sforzo che abbia provocato un danno interno...
- tra l'inguine e la ferita, nella parte dx (dove c'era il drenaggio che mi hanno tolto 2 gg. dopo l'intervento) spesso, ma in questi gg. va decisamente meglio, ho un dolore (anche lì sento del bruciore) che va e viene. Ho pensato si trattasse di un residuo di siero, ma sempre a sentire la mia dottoressa, pare che non ci sia proprio nulla.
Secondo la mia dottoressa il tutto è dovuto al fatto che mi hanno ricucito i muscoli addominali e quindi tirano, la cosa che però mi sembra strana è che facciano male proprio in punti dove avevo il laparocele e dove era situato il drenaggio.
Per sicurezza il 18 dicembre farò un'ecografia ai tessuti molli e un'ecografia completa. Però siccome mancano ancora parecchi giorni sto vivendo in grande tensione. Spero quindi che possiate darmi una mano a togliere un po' d'ansia.
Vi ringrazio per l'attenzione e cordialmente saluto.

[#1]  
Dr. Claudio Bernardi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
RIMINI (RN)
MIRABELLA ECLANO (AV)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Gentile signora,
lei ha subito a novembre un intervento, diciamo impegnativo,
che ha riguardato non solo i tessuti superficiali ma anche quelli profondi. In questi casi i tempi di recupero sono lunghi, generalmente non inferiori ai sei mesi. E' dunque normale avvertire sensazioni fastidiose o dolenzie varie come credo le avrà già detto la sua dottoressa. Faccia i controlli clinici e strumentali richiesti ma non sia allarmata perchè altrimenti il giudizio della dottoressa non sarebbe stato positivo....
Saluti ed auguri
Dr. Claudio Bernardi
www.claudiobernardi.it
Dr. Claudio Bernardi
Chirurgia Plastica
www.claudiobernardi.it - www.lachirurgiaplastica.net