Utente cancellato
Gentili dottori, ho eseguito l'altro giorno una exeresi chirurgica (plastica) nel mio ospedale di una neoformazione dietro prescrizione dermatologica.


Ho tuttavia un dubbio che non capisco, ho letto tra l'altro un consulto recente: https://www.medicitalia.it/consulti/chirurgia-plastica-e-ricostruttiva/722856-chiarimenti-punti-di-sutura-interni.html ma non ho comunque ben capito, provo a spiegarmi.



In sala operatoria il medico ha detto che ha eseguito una sutura con filo riassorbibile e che poi sarei dovuto tornare a togliere i punti.
E qui il dubbio: ma la sutura intradermica non è di per sé già riassorbibile?

Vol quindi dire che ha eseguto due suture di due tessuti diversi?


In effetti leggendo il consulto indicato nel link il dottore dice: "le sono stati applicati dei punti di sutura sottocutanei riassorbibili che non devono essere rimossi, quindi una sutura intradermica anch'essa riassorbibile che può essere rimossa"

Vorrei quindi chiedervi, venendo alla domanda: Vuol dire che è stata eseguita, verosimilmente, una sutura del tessuto sottocutaneo e una seconda sutura intradermica?
Ho sempre sentito parlaresolo della intradermica ma cosa è la sutura sottocutanea e perché si fa e altre volte no?
(avevo già tolto un nevo e la scorsa volta fu eseguita solo sutura intradermica)

Mi piacerebbe capire di cosa si tratta e cosa cambia tra le due suture (sempre che abbia capito bene e siano due cose distinte e non due nomi diversi per la stessa cosa).


Spero qualcuno abbia voglia di spiegarmi in dettaglio dato che ora mi è rimasta questa curisosità.
Ringrazio di cuore per l'aiuto.

Saluti.

[#1]  
Dr. Sabino Mauro De Nigris

20% attività
20% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
SVIZZERA (CH)
MILANO (MI)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2012
Prenota una visita specialistica
Buona sera,
le spiego: se la sutura è di piccola entità e poco profonda si può evitare di fare il sottocute, se la ferita è più lunga e più profonda, il sottocute è d'obbligo soprattutto se poi si vuole suturare la cute con un intradermica che non ha una gran resistenza tensiva e che quindi non riuscirebbe a tenere i lembi vicini.
L'intradermica è stata fatta con filo riassorbibile e pertanto non necessita di rimozione, ma dato che dopo una decina di giorni la ferita è chiusa e consolidata e il filo utilizzato per l'intradermica invece necessita di un paio di mesi per essere riassorbito il suo medico le ha detto che volendo, ma non necessariamente, può essere sfilato senza aspettare il riasorbimento.
Nulla di starno dunque.
Dr. Sabino Mauro  de Nigris
Chirurgia Plastica ricostruttiva ed estetica