Utente 429XXX
Buongiorno,
da un po’ di tempo ho notato che in piedi in particolare se mi faccio la doccia o se fa caldo un rigonfiamento tipo ponfo alla vena che si trova vicino al polpaccio. Non mi fa male, non è scura, si vede solo sta specie di pallina con liquido. Non mi fa male neache se premo. Non ho nessun problema vascolare. Mi ha visto il medico di famiglia e dice che non è nulla. Che forse è una vena ispessita ma che non rischio flebiti o cose gravi. Alla peggio se si rompe si vede un po’ di sangue e basta ma che non è infiammata. Ti fare un eco con calma senza fretta. Io sono molto preoccupato che si formino emboli o che si rompa visto che in piedi c’e’ sta pallina e adesso ci faccio sempre caso.. . prima la notavo solo durante la doccia. Mi devo preoccupare? Non è che rischio una flebite?
Grazie

[#1]  
Dr. Lucio Piscitelli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA

Gentile Utente,
quella che descrive sembrerebbe una vena varicosa.
Al di là della singola manifestazione a lei evidente la sua condizione richiede una valutazione specialistica con ecocolordoppler al fine di una valutazione globale del suo sistema venoso degli arti inferiori.
Lucio Piscitelli
http://luciopiscitelli.beepworld.it/

[#2] dopo  
Utente 429XXX

Gent.le dottore,
ho fatto qualche mese fa ecodopler arti inferiori per gonfiore alla caviglia a seguito di rottura tendine di gennaio. Tutto negativo nessuna anomalia. Sono stato visto dal medico e dice che è un gonfiore di un vaso che non compromette la circolazione.
Io ho molta paura. Sono in vacanza e non vorrei che scoppiasse.
Grazie

[#3] dopo  
Utente 429XXX

Mi scusi dottore,
le preciso che non mi fa male se premo, non è violacea come una vena varicosa e non ho vene varicose tipo bluastre nelle gambe. È proprio un ponfo che si evidenzia in piedi o se metto la gamba sotto sforzo. Steso non si vede. Il mio terrore è che scoppi e che mi venga un’emorraggia.
Grazie ancora