Utente
Salve, volevo ravere più delucidazioni.
Mia madre é una donna di 79 ipertesa, segue terapia con PLAUNAZIDE 20/12.5per ipertensione.

Ha sospeso terapia con fosicombi e lacidipina che le causava effetti collaterali.

Assume cardioaspirina come antiaggregante.

2 anni fa, ha subito un intervento per rottura femore.

Da poco ha iniziato a prendere la pravastatina da 40 mg per colesterolo alto.

Ha effettuato 2 ecocolordoppler uno alla carotide e l'altro agli arti inferiori.

Vi riporto i risultati.


ECOCOLORDOPPLER ARTERIOSO ARTI INFERIORI

multipli ateromi iperecogeniplurisegmentaridiffusi su tutti gli assi esplorati; pervietà dell'asse femoro-popliteo tibiale anteriore, bilateralmente, con conservazione di velocità di flusso trifasico pur in presenza di notedi rigidità parietale.
Perviae con velocità di flusso trifasico l'ATP sinistra.
ATP destra pervia con flusso appena valutabile fortemente ridotto e demodulato.


Conclusioni: stenosi emodinaticamente significativa dell'ATP destra in discreto compenso emodinamico a valle

Proseguire con la terapia in atto.


ECO COLOR DOPPLER TSA

spessore mio intimale di circa 1 mm arterie succlavie e pervie e con buona velocità di flusso ad elevate resistenze nel suo contesto.

A destra della biforcazione carotidea presenza di ateroma iperecogeno con modesta componente calcifica, pressochè concentrico, dal profilo regolare dello spessore massimo di circa 2, 7 mm determinante stenosi del 30% circa non emodificamente significativa.

A sinistra su ICA presenza di multipli ateromi iperecogeni, dello spessore di circa 2, 2 mm non determinanti stenosi emodicamente significativa.

Arterie vertebrali ortograde e simmetriche

Conclusioni: stenosi del 30% circa di ICA destra in ATS carotidea


le mie domande sono:

La terapia in atto è valida e devo continuarla?
Dobbiamo preoccuparci per le placche alla carotide e per l'esito alle gambe?

[#1]  
Dr. Antonio Tori

24% attività
20% attualità
12% socialità
BUSTO ARSIZIO (VA)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2013
Buongiorno,
per le carotidi nessun problema, per gli arti inferiori il problena è clinico, non strumentale, cioè quando cammina ( se cammina...) si deve fermare perchè la gamba destra comincia a diventare rigidae dolente? E dopo quanti metri?.
Questo è il criterio su cui si valuta un arteriopatia.
La terapia in atto è OK
saluti
A.T.
Dr. Antonio tori

[#2] dopo  
Utente
Per fortuna cammina ma a volte ha dolori. Oggi mi sono allarmato, ha pressione arteriosa a 156/91 con molta ansia.
E' da un paio di giorni che la vedo un pochino strana, sembra rallentata e molto stanca.