Utente
Buongiorno.

Ho 72 anni, peso 76 kg, altezza 1, 80 m.
Nessuna patologia importante in atto al momento.

Ho seguito un esame ecocolordoppler ai vasi del collo con una diagnosi che mi lascia perplesso.
Anche il medico che ha effettuato l'esame mi ha detto di ripeterlo entro 6/8 mesi perché la carotide di destra merita attenzione.

E vengo al referto
"Carotidi comuni: diffusa iperplasia medio-intimale bilaterale (IMT 1, 3 mm)
A sinistra; a livello della biforcazione carotidea e dell'origine della carotide interna si rileva piccola placca fibrocalcifica con spessore massimo di 1, 8 mm priva di effetti emodinamici (stenosi inferiore al 20%).
Carotide interna a decorso tortuoso in assenza di evidenziabili kinking emodinamicamente significativi.

A destra, a livello della biforcazione carotidea e dell'origine della carotide interna si rileva placca fibrocalcifica con spessore massimo di 2, 9 mm determinante stenosi del lume vasale stimabile in 30-35% circa, in assenza di accelerazioni significative di flusso.
Carotide interna a decorso tortuoso in assenza di evidenziabili kinking emodinamicamente significativi.

Arterie vertebrali con profili ortodinamici e asimmetrici per lieve prevalenza a sinistra.
"
La domanda che pongo è: "Posso fare qualche cosa per correggere/interrompere questo processo di formazione della placca?
"
Sono consapevole degli eventuali rischi, cosa posso aspettarmi nella mia prospettiva di vità?

[#1]  
Dr. Lucio Piscitelli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UN CONSULTO A DISTANZA

Gentile Utente,
l'esame mette in evidenza lesioni aterosclerotiche "non emodinamiche", che non determinano cioè riduzione del flusso e relativamente compatibili con l'età.
In assenza di manifestazioni cliniche ad essa riferibili si tratta di una condizione da verificare nel tempo, mettendo sotto controllo eventuali fattori di rischio quali ipertensione, diabete, dislipidemie, sovrappeso, stress, ecc., e soprattutto abbandonando eventualmente del tutto il fumo.
Terapie preventive potrebbero essere considerate a giudizio del Medico curante e sulla base delle predette valutazioni.
Lucio Piscitelli
https://www.medicitalia.it/luciopiscitelli/#sede_1
http://luciopiscitelli.beepworld.it/

[#2] dopo  
Utente
Gentile dottore
La ringrazio per la sua cortese risposta.
Per fortuna ho smesso di fumare dall'età di trent'anni quindi questo problema non c'è.
Come può ben vedere non sono sovrappeso, inoltre non sono diabetico.
La pressione arteriosa, salvo rare eccezioni in cui la sistolica ha toccato i 140/150 mm/hg è in genere nella norma.
La mia preoccupazione deriva essenzialmente dalla placca a destra, di dimensioni non insignificanti, e dalle possibili conseguenze che questa potrebbe dare.

[#3]  
Dr. Andrea Xodo

20% attività
8% attualità
8% socialità
()

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2016
Gentile utente,

monitori le carotidi con un ecocolor Doppler ogni 1/2 anni, una placca del 30-35% non desta al momento preoccupazione e va trattata con la modifica dello stile di vita come ed eventuale terapia medica (cardioaspirina/statina/antiipertensivo se necessari) come detto dal Collega. L'indicazione al trattamento chirurgico per le stenosi carotidee asintomatiche è per placche > 60% secondo NASCET.

Cordiali Saluti,
Dr. Andrea Xodo

Si ricorda che il consulto on-line non sostituisce in alcun modo la visita ambulatoriale.

[#4] dopo  
Utente
Gentile dottore
la ringrazio per la sua cortese disponibilità.
Farò tesoro dei suoi consilgi