Utente
Gentili dottori, ho 26 anni e sono affetto dalla sindrome di Ehlers Danlos tipo 3 e per tanto ho effettuato in ospedale un doppler delle carotidi con seguente referto.


Asse Carotideo dx:
Arteria carotide comune dx pervia, con decorso regolare e priva di lesioni parietali di
significato emodinamico.
IMT 0, 06 cm nella norma
Bulbo carotideo normoconformato, pervio, con decorso regolare e privo di lesioni
parietali di significato emodinamico.
Flussimetria nella norma.

Arteria carotide interna distale e Arteria carotide esterna pervie e prive di lesioni
parietali di significato emodinamico.

Asse Carotideo sn:
Arteria carotide comune di sn pervia, con decorso regolare e priva di lesioni parietali
di significato emodinamico.
IMT 0, 06 nella norma
Bulbo carotideo normoconformato, pervio con decorso regolare e privo di lesioni
parietali di significato emodinamico.

Arteria carotide interna distale e Arteria carotide esterna pervie e prive di lesioni
parietali di significato emodinamico.

Flussimetria doppler: morfologia regolare.
VPS dell’ACC sn aumentato 100cm/sec.

VPS dell ACI sn aumentato 100 cm/ sec
Assi vertebrali di calibro normale, pervi con flusso normodiretto.
A sn: VPS: 100 cm/
s.
A dx VPS 60 cm/ s.

Si segnalano alcune extrasistole.
Si consiglia di effettuare un angio RMN cerebrovascolare.

Cosa vuol dire questa velocità aumentata, è rischioso?

I dottori mi hanno detto solo di tornare per fare angio rm ma non mi hanno detto nulla di questa velocità aumentata.
Rischio grosso?
Potrei andare in contro a dissezioni spontanea?
Che devo fare sono nel pallone.

Vi ringrazio per l'attenzione e lo splendido servizio che svolgete in forma gratuita.

Cordialità.

[#1]  
Dr. Lucio Piscitelli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UN CONSULTO A DISTANZA

Gentile Utente,
la sindrome di Ehlers Danlos tipo 3 non comprenderebbe interessamento di tipo vascolare.
VPS (velocità di picco sistolico) è un parametro che mostra un incremento in presenza di una stenosi (restringimento del lume). In questo caso il dato non sembrerebbe di chiara interpretazione in assenza di un corrispondente reperto ecografico.
E' verosimile che la RMN sia stata richiesta per maggiore dettaglio diagnostico.
Provi a postare il quesito anche nella sezione di neuroradiologia.
Lucio Piscitelli
https://www.medicitalia.it/luciopiscitelli/#sede_1
http://luciopiscitelli.beepworld.it/

[#2] dopo  
Utente
Capisco dottore, solo che mi chiedevo come potesse essere possibile questo incremento senza stenosi. Grazie ancora, vedrò comunque di spostare il consulto.