Utente
Salve, sono una ragazza di 25 anni e da fine agosto dopo essere andata dietro in motorino ho avvertito dolore alla parte terminale del coccige...pensando fosse colpa delle buche, ho aspettato che il dolore andasse via da solo, ma così non è stato!
Anche adesso avverto dolore al tatto, quando sono seduta in determinate posizioni, anche quando dormo, mentre in piedi non mi da fastidio.
Dall'esterno nn ho notato niente: nè rossori ne gonfiori....navigando un po' in internet sono venuta a conoscenza di queste cisti sacrococcigee e mi chiedevo se potesse essere il mio caso.

Magari non c'entra nulla, ma volevo aggiungere che proprio quest'anno ho avuto diversi episodi di cistite, sempre diagnosticate e curate alla perfezione e sempre con un agente eziologico diverso;sempre quest'anno ho avuto sporadici episodi di bruciore al termine della defecazione e spesso mi sembra che la vescica non si svuoti del tutto.


Volevo chiedervi, quale altra ipotesi potrebbe esserci dietro questo dolore al coccige che non passa e a chi mi dovrei rivolgere x fare una corretta diagnosi?...con una radiografia o ecografia si vede qualcosa o devo sottopormi a esami può invasivi?

Da una parte ho molta paura di scoprire di che si tratta,già sono stata così male x tutte queste cistiti, figuriamoci di una eventuale operazione! :-(


Grazie mille a chi vorrà consigliatemi.

[#1]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
La cistite non ha nulla a che fare con un eventuale cisti sacrococcigea. Quest'ultima e' una lesione tipica della regione che appunto e' quella del sacro-coccige e che, dalla descrizione che lei ha fatto, sembrerebbe la zona interessata dai suoi disturbi. Una Visita Medica dal suo Curante puo' gia' darle una prima indicazione e indirizzarla da uno Specialista Chirurgo oppure dall'Ortopedico nel caso invece che le buche prese in motorino abbiano causato (ma mi sembra poco probabile) un vera e propria patologia traumatica della regione.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com